Conduce David Muir, Norah O'Donnell e Lester Holt sulla missione delle notizie in rete per la copertura della storia di George Floyd

Newsletter

Il tuo rapporto di Thursday Poynter

Da sinistra a destra, ancore David Muir (ABC), Norah O'Donnell (CBS) e Lester Holt (NBC). (Composito fotografico: Charles Sykes / Invision / AP, Andy Kropa / Invision / AP, Richard Drew / AP)

Negli ultimi mesi, i telegiornali serali nazionali sono stati i programmi televisivi più visti nel paese. La nazione ha rivolto a milioni i suoi occhi su fidati anchor Lester Holt (NBC), Norah O'Donnell (CBS) e David Muir (ABC) per ottenere le ultime informazioni sul coronavirus.

E ora un'altra storia - la morte di George Floyd e le successive proteste - ha attanagliato la nazione, rendendo il telegiornale della sera più critico che mai.



Tuttavia, coprire questa storia non è facile per il telegiornale della sera. I telegiornali durano solo mezz'ora e la maggior parte degli eventi più importanti della giornata si svolgono di notte, nelle ore successive alla messa in onda del telegiornale notturno.

Qual è la missione del telegiornale in questi tempi? Ho posto questa domanda a tutti e tre i principali ancoraggi della rete. Ecco cosa avevano da dire:

'La nostra missione è sempre quella di portare i fatti e mettere gli eventi nella giusta prospettiva, ma data la natura emotiva e instabile di questa storia, comprendiamo tutti che il tono è estremamente importante', mi ha detto Holt in una e-mail. 'Nessuna singola persona parla per tutti e quindi stiamo facendo del nostro meglio per catturare quante più voci possibile ed esplorare ciò che guida questo movimento'.

Janelle Rodriguez, vicepresidente senior per la redazione di NBC News, mi ha detto: 'È fondamentale per noi portare i nostri telespettatori sul terreno dove stanno accadendo le storie. Da Minneapolis e Washington, D.C., a quasi tutte le città da costa a costa, è stato importante per noi essere lì sul campo per ascoltare e raccontare le storie delle persone al centro di loro. È un momento ogni giorno per vedere il quadro più ampio di ciò che sta accadendo in questo paese e connettersi all'umanità di queste storie '.

Alla ABC, Muir è venuto nei suoi tipici giorni di riposo per ancorare le edizioni del fine settimana di 'World News Tonight' della ABC perché voleva mostrare l'impegno del newcast per questa storia. Martedì ha anche tenuto uno speciale in prima serata con Robin Roberts e Byron Pitts.

In una e-mail, Muir mi ha detto: “Ho sempre creduto che una delle cose più importanti che possiamo fare come giornalisti sia semplicemente ascoltare. C'è un vero dolore in questo paese e dobbiamo essere un luogo in cui gli americani sanno che le loro voci saranno ascoltate. Questo è un momento difficile e c'è stata una pesantezza prolungata, più crisi contemporaneamente, e non possiamo nasconderci da questo. Gli spettatori si aspettano che noi, con fermezza e grande cura, li guideremo attraverso. Spero che i fatti, la verità, per quanto atroci, in qualche modo ridurranno parte dell'ansia. Forse possiamo essere una delle poche costanti in un tempo instabile. Questa è la mia speranza. '

E O'Donnell ha indicato la copertura del team della CBS come la chiave.

'La missione del 'CBS Evening News' rimane la stessa: fornire alle trasmissioni di notizie più affidabili le informazioni più aggiornate', ha affermato. 'Siamo stati in cima a questa storia fin dall'inizio, guidando con Jeff Pegues sul campo a Minneapolis. Nelle ultime serate, abbiamo anche trasmesso in diretta il nostro feed West Coast e abbiamo fornito aggiornamenti sui social media, nonché su CBSN, il nostro servizio di streaming 24 ore su 24 '.

O'Donnell ha aggiunto: 'Crediamo inoltre che la nostra missione sia fornire ai nostri spettatori contesto, profondità e chiarezza. Per andare oltre i titoli dei giornali, abbiamo parlato con imprenditori afroamericani e sacerdoti a Minneapolis, abbiamo presentato importanti voci afroamericane, tra cui il direttore dello Smithsonian Lonnie Bunch e il corrispondente speciale della CBS News James Brown, e abbiamo guardato alla storia per fornire una prospettiva importante. Crediamo che questo sia uno dei momenti più significativi della storia americana e, come ci ha detto Lonnie Bunch, siamo a un punto di svolta. Vogliamo che il nostro pubblico si rivolga a noi per rapporti sobri e basati sui fatti che ci aiuteranno a fornire una maggiore comprensione '.

Il presentatore della NBC Lester Holt, che oggi sarà a Minneapolis per il funerale di George Floyd. (Cortesia: NBC News)

l'uomo soffre di infarto al lavoro

Oggi ci sarà un servizio commemorativo a Minneapolis per George Floyd e la maggior parte delle reti ha pianificato una copertura speciale.

La NBC avrà una copertura in diretta a partire dalle 14:00. con Lester Holt a Minneapolis, dove condurrà anche 'NBC Nightly News' e condurrà uno speciale di un'ora, 'America in Crisis', che andrà in onda alle 22:00. Orientale su NBC e NBC News NOW.

'Minneapolis è il luogo in cui è stato commesso il crimine, ed è qui che avverrà la giustizia', ​​mi ha detto Holt, sul motivo per cui andrà a Minneapolis. 'È anche il luogo in cui la storia prende la sua prossima svolta importante quando il movimento sceglie il passo successivo. Siamo sempre migliori come trasmissione quando possiamo far luce sui grandi eventi sul campo. Per oltre una settimana abbiamo sentito le grida appassionate di cambiamento. Ora vogliamo essere lì per vedere e sentire come viene risposto a quelle grida. '

La copertura in diretta della CBS sarà ancorata da Norah O'Donnell, che condurrà anche il 'CBS Evening News' da Minneapolis.

ABC News avrà una copertura in diretta con Linsey Davis e Alex Perez che riferiscono da Minneapolis. Il servizio commemorativo sarà trasmesso su ABC e ABCNews.com. Ci saranno ulteriori rapporti su 'World News Tonight', 'Nightline' e 'Good Morning America'.

Barack Obama ha parlato mercoledì pomeriggio in un municipio virtuale per parlare della morte di George Floyd, della condotta della polizia e della razza. Il suo municipio è stato trasmesso sia dalla CNN che dalla MSNBC. Tuttavia, non è stato trasmesso su Fox News.

Penseresti che l'unico presidente afroamericano nella storia degli Stati Uniti a commentare la razza davanti alla telecamera per la prima volta dalla morte di Floyd sarebbe particolarmente degno di nota, eppure Fox News ha scelto di non mandarlo in onda.

Ora, siamo onesti, potresti sostenere che ciò che Obama ha da dire non interessa molti telespettatori di Fox News. Eppure, 'The Five' di Fox News ha provato a commentare i commenti di Obama dopo aver mandato in onda una breve clip. Quindi era abbastanza importante da commentare, ma non abbastanza importante da mandare in onda?

E per mostrare quanto fosse ridicolo il segmento, anche Dana Perino ha dovuto dire che non poteva commentare i commenti di Obama perché era in onda mentre Obama stava parlando.

Fox News non ha risposto alle richieste di commento sul motivo per cui il municipio di Obama non è stato mandato in onda.

(Screengrab, Philadelphia Inquirer)

Sono sempre riluttante a saltare sugli scrittori di titoli. È un lavoro duro e stressante e di solito cerco di concedere loro il beneficio del dubbio. Detto questo, martedì il Philadelphia Inquirer ha pasticciato male un titolo.

Molti edifici, proprietà e attività commerciali a Filadelfia sono stati danneggiati e distrutti negli ultimi giorni. In una colonna , Inga Saffron dell'Inquirer ha scritto sull'impatto devastante e duraturo che la distruzione può avere su una città e una comunità. Ma il titolo di stampa era incredibilmente sordo e offensivo:

'Anche gli edifici contano'

Che cosa?! Recitare 'Black Lives Matter', il titolo dell'Inquirer ha attirato critiche immediate.

Ernest Owens, vice presidente della stampa per la Philadelphia Association of Black Journalists, ha detto in una dichiarazione , 'Cooptando il grido di battaglia degli attivisti 'Black Lives Matter' per un titolo stonato, (The) Philadelphia Inquirer ha antagonizzato una conversazione nazionale già intensa sulla razza. La sensibilità per le comunità e i lettori neri in questo momento nel mezzo delle proteste contro l'ingiustizia razziale dovrebbe pesare più delle battute editoriali ignoranti '.

apostrofo dopo lo stile s ap

Il titolo non solo ha attirato critiche dall'esterno dell'Inquirer, ma anche da parte del personale.

La giornalista Melanie Burney ha twittato , 'Così è successo @PhillyInquirer dove sono un giornalista. Sono imbarazzato e dovrebbe esserlo anche la carta. Questo titolo è offensivo e insensibile a ciò che sta accadendo nel paese. Niente scuse. #DiversityMatters #NABJ #blackjournalists '

Scrittore del personale Amy S. Rosenberg ha twittato , 'Questo titolo è disgustoso, imbarazzante e offensivo. Lo staff ha appena terminato una dolorosa riunione di due ore con i migliori redattori. Grazie ai miei colleghi neri per tutto quello che fate per l'Inquirer. Abbiamo bisogno di più giornalisti neri e dobbiamo pagarli meglio - le disparità salariali persistono '.

Reporter Allison Steele ha twittato , “Difficile trasmettere il livello di vergogna e rabbia tra molti di noi all'Inquirer. Mi dispiace per i miei colleghi e per i nostri lettori per il dolore che questo ha causato '.

Ray Boyd, vicedirettore di Inquirer per il coinvolgimento del pubblico, twittato , 'Creare fiducia con il nostro pubblico è la mia missione numero uno a The Inquirer, in particolare le comunità di colore svantaggiate in questa città. Meritano molto di meglio e noi dobbiamo mantenerlo '.

Scrittore editoriale Abraham Gutman ha twittato , 'Questo è ciò che accade quando una redazione non assomiglia alla città che copre.'

In risposta a a twittare lamentandosi del titolo , Il redattore esecutivo di Inquirer Stan Wischnowski ha twittato: “Le tue critiche sono pienamente giustificate. Quel titolo non avrebbe dovuto essere pubblicato da @PhillyInquirer . Abbiamo affrontato questo problema internamente e siamo profondamente impegnati a prevenire questo tipo di passi falsi in futuro '.

Ma c'è di più in questa storia. Dopo le lamentele sul titolo di stampa, un altro titolo sordo per la stessa colonna è apparso online. Questo diceva: 'Black Lives Matter. Fare edifici? ' Quel titolo è rimasto per diverse ore fino a quando non è stato sostituito con: 'Danneggiare gli edifici danneggia in modo sproporzionato le persone che i manifestanti stanno cercando di sollevare'.

Una nota del redattore sotto il titolo diceva: 'Un titolo pubblicato su Inquirer di martedì era offensivo, inappropriato e non avremmo dovuto stamparlo. Siamo profondamente dispiaciuti di averlo fatto. Sappiamo anche che le scuse da sole non sono sufficienti. Dobbiamo fare di meglio. Lo abbiamo sentito forte e chiaro, anche dal nostro personale. Noi. Una spiegazione dettagliata di come abbiamo sbagliato così tanto seguirà oggi. '

A partire da mercoledì sera, l'Inquirer non aveva pubblicato quella spiegazione. Mi aspetto di dare seguito a questa storia entro la fine della settimana.

Altri attacchi della polizia alla stampa negli ultimi giorni.

Due giornalisti dell'Associated Press (il produttore televisivo Robert Bumsted e il fotoreporter Maye-E Wong) sono stati spinti dalla polizia a New York City anche dopo aver detto loro che erano giornalisti, esentati dagli ordini di coprifuoco. Un ufficiale ha detto a uno dei giornalisti: 'Porta qui la (imprecazione), pezzo di (imprecazione)'. Un altro poliziotto ha detto: 'Non me ne frega un (imprecazione)'.

Un giornalista di HuffPost ha twittato la sua storia (incluso il video) di essere stato arrestato dalla polizia di New York, ancora una volta, anche dopo aver detto loro che era un giornalista. Christopher Mathias è stato spinto a terra, imprecato e non gli è stato permesso di recuperare il suo telefono, che ha continuato a registrare e gli è stato restituito da qualcuno che lo ha trovato.

A St. Petersburg, in Florida, due giornalisti del Tampa Bay Times di proprietà di Poynter (Divya Kumar e Jay Cridlin) sono stati brevemente arrestati dalla polizia. Kumar è stata abbattuta e ha riportato lividi sul gomito.

Roy Peter Clark dice che dovresti redigere una dichiarazione di intenti per il tuo lavoro.

I giornalisti arrestati o detenuti non dovrebbero essere al centro di ciò che sta accadendo in questo momento. L'attenzione dovrebbe essere rivolta alla morte di George Floyd, al trattamento delle persone di colore da parte della polizia, alla disuguaglianza razziale e alle risposte delle autorità e dei leader.

In una colonna per la Columbia Journalism Review , Amanda Darrach scrive: “Dobbiamo smetterla di concentrarci su noi stessi. Il giornalista senza fiato dettagliando il proprio vittimismo ha diventare per sottogenere di una storia che è, e dovrebbe riguardare, l'uccisione di George Floyd, le sue cause sistemiche e l'ostilità caotica di un presidente che feticizza la violenza perpetrata dai forti sui deboli (dalla sicurezza del suo bunker) '.

Darrach scrive anche - e sono d'accordo - che l'attenzione deve rimanere su coloro che non possono pubblicizzare le storie da soli.

Tuttavia, non dovremmo nemmeno ignorare questi attacchi ai media. L'ho scritto diverse volte, ma se i giornalisti non sono lì per raccontare le storie di ciò che sta accadendo, chi sarà lì? Negli ultimi tempi è diventato un detto preferito, forse anche un cliché, ma questo messaggio è vero: “Prima sono venuti per i giornalisti. Non sappiamo cosa sia successo dopo. '

Molti dipendenti del New York Times (così come quelli esterni all'azienda) hanno criticato la decisione del Times di candidarsi questo editoriale da Tom Cotton, il senatore repubblicano dell'Arkansas. Cotton sostiene di invocare l'Insurrection Act in modo che le truppe militari possano fermare quelli che Cotton chiama 'rivoltosi'.

Il contraccolpo su Twitter mercoledì sera è stato piuttosto acceso. Basta cercare su Twitter 'Cotton' e 'Times' e sistemarsi per un po '. Molti membri dello staff del Times hanno twittato: 'L'esecuzione di questa operazione mette in pericolo lo staff di Black @nytimes'.

Analista di basket Charles Barkley. (Dennis Van Tine / STAR MAX)

Per me, questa sarà una TV imperdibile: TNT trasmetterà in televisione un'edizione live di un'ora di 'Inside the NBA' stasera alle 20:00. Orientale. Gli argomenti saranno incentrati sulla razza e sulla società. In circostanze normali, questo è il miglior spettacolo in studio sportivo di tutta la televisione. Gli analisti Charles Barkley, Kenny Smith e Shaquille O'Neal, insieme all'eccezionale ospite Ernie Johnson, forniscono alcuni dei commenti più attenti, divertenti e penetranti nello sport.

Tuttavia, sono particolarmente rilevanti quando si parla di argomenti che sono al di fuori delle linee di basket. Mi aspetto che questa conversazione stasera sia di fondamentale importanza per aiutarci a capire dove siamo, come siamo arrivati ​​qui e dove andremo dopo.

Hai un feedback o un suggerimento? Inviare un'e-mail allo scrittore senior di media Poynter Tom Jones all'indirizzo tjones@poynter.org .

  • Iscriviti ad Alma Matters, la nuova newsletter di Poynter per insegnanti di giornalismo universitario
  • Offerte di lavoro nel giornalismo: la bacheca di Poynter
  • Perché creare una redazione inclusiva al tempo di COVID-19 è urgente: 4 giugno alle 14:00 Orientale - IRE (Investigative Reporters and Editors)
  • Rispondi a questo sondaggio aiutare i ricercatori a capire in che modo lo stress correlato al lavoro e la storia della vita sono correlati alle capacità dei giornalisti di svolgere il proprio lavoro e vivere felicemente. Verrà effettuata una donazione di $ 1 al Comitato per la protezione dei giornalisti per ogni persona che lo completa.

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Registrati qui.