Chris Cuomo della CNN nel tipo sbagliato di prima serata; la morte di una fonte cambia le regole dell'intervista ?; News21 ha un nuovo progetto

Newsletter

Chris Cuomo della CNN a maggio. (Foto di Evan Agostini / Invision / AP)

Questa è la newsletter quotidiana del Poynter Institute. Per riceverlo nella tua casella di posta dal lunedì al venerdì, fai clic su Qui .

Buon mercoledì mattina. Martedì altri licenziamenti hanno colpito i giornali di GateHouse. Ma prima, hai visto il video di Chris Cuomo della CNN che sta quasi per litigare con un ragazzo a caso in un bar?



'Ti (bleep) rovinerò il tuo (bleep)!'

Questa volta, Sonny, in realtà non si trattava di affari. Era strettamente personale.

La conduttrice della CNN Chris Cuomo ha avuto un brutto scambio di battute con un molestatore in un bar di New York domenica su un riferimento a 'Il Padrino'. Non è uno scherzo. Mi collegherò al video qui , ma attenzione, presenta un linguaggio molto R, principalmente da Cuomo.

Il conduttore di 'Chris Cuomo Primetime' era arrabbiato perché uno sconosciuto lo ha chiamato Fredo. Questo è un riferimento al fratello ottuso e ambiguo in 'Il Padrino'. Nel video, Cuomo ha detto che chiamare gli italiani Fredo è come usare la parola N. Ha anche minacciato il molestatore più volte, dicendo: 'Io (imprecazione) rovinerò la tua (imprecazione). Ti (imprecando) ti butto giù da queste scale come un (imprecato) punk.

Martedì, dopo che il video è diventato virale, Cuomo ha twittato :

idee di notizie per studenti universitari

“Apprezzo tutto il supporto ma - la verità è che dovrei essere migliore dei ragazzi che mi provocano. Succede sempre in questi giorni. Spesso davanti alla mia famiglia. Ma c'è una lezione: non c'è bisogno di aggiungere alla bruttezza; Dovrei essere migliore di quello a cui mi oppongo. '

Il presidente Donald Trump non poteva lasciarlo passare. Ha twittato prendendo in giro Cuomo e la CNN:

“Pensavo che anche Chris fosse Fredo. La verità fa male. Totalmente perso! Valutazioni basse @CNN. '

Ma potresti essere sorpreso di apprendere chi ha sostenuto Cuomo: il suo rivale di Fox News Sean Hannity, chi twittato :

“Dico buono per @ChrisCuomo . È fuori con sua figlia di 9 anni e sua moglie, e questo ragazzo si sta comportando da idiota di fronte alla sua famiglia. Imho Chris Cuomo non ha nulla di cui scusarsi. Si merita le scuse. '

Che fosse il tweet di Hannity o qualcos'altro, Trump ha twittato di nuovo martedì pomeriggio criticando qualsiasi repubblicano per aver sostenuto Cuomo. Trump ha twittato :

“Succede sempre! Quando un conservatore fa anche solo una frazione di quello che ha fatto Chris Cuomo con le sue folli invezioni, deliri e imprecazioni, viene distrutto dalle Fake News. Ma quando un Liberal Democratico come Chris Cuomo lo fa, i repubblicani vengono immediatamente in sua difesa. Non impariamo mai! '

La CNN ha rilasciato una dichiarazione a sostegno di Cuomo: “Chris Cuomo si è difeso quando è stato aggredito verbalmente con l'uso di un insulto etnico in una configurazione orchestrata. Lo supportiamo completamente. '


Jeffrey Epstein è morto suicida mentre attendeva il processo con l'accusa di traffico sessuale. (Registro degli autori di reati sessuali dello Stato di New York tramite AP)

Ecco un'interessante domanda etica per i giornalisti: se qualcuno ti dice qualcosa di nascosto o in background, e in seguito quella persona muore, puoi rivelare ciò che quella persona ti ha detto?

Questo sta venendo fuori ora perché editorialista del New York Times James B. Stewart ha pubblicato una colonna Lunedì su una conversazione che ha avuto un anno fa con il presunto trafficante di sesso Jeffrey Epstein, morto per un apparente suicidio durante il fine settimana. A quel tempo, Stewart stava lavorando a una storia sul co-fondatore di Tesla Elon Musk e sentì che Epstein stava dando consigli a Musk. (Epstein e Musk hanno negato quelle voci.)

Nella colonna di lunedì, Stewart ha ricordato un'intervista di 90 minuti all'interno della villa di Epstein a Manhattan. C'erano alcuni dettagli interessanti della vita di Epstein, così come commenti intriganti di Epstein in cui accennava che aveva sporcizia su persone potenti. Ma non ha mai chiamato quelle persone e non ha mai detto cosa fosse esattamente la sporcizia.

Nella sua colonna, Stewart ha scritto: “Quando ho contattato il signor Epstein, ha prontamente accettato un colloquio. L'avvertenza era che la conversazione sarebbe stata 'sullo sfondo', il che significava che potevo usare le informazioni purché non le attribuissi direttamente a lui. (Considero tale condizione decaduta con la sua morte.) '

È vero? I commenti di Epstein sono un gioco leale ora che è morto? Ho deciso di entrare in contatto con le due persone di cui mi fido di più quando si tratta di etica del giornalismo: i miei colleghi di Poynter Al Tompkins e Kelly McBride, che non è solo il vicepresidente senior di Poynter, ma il presidente del Craig Newmark Center for Ethics and Leadership in Poynter.

Il mio istinto mi dice - e Tomkins era d'accordo - che il tempo di Stewart con Epstein avrebbe dovuto rimanere sullo sfondo, il che significa che non diventa mai pubblico. L'eccezione sarebbe se ci fosse un maggiore interesse pubblico che le informazioni diventino note, come la prova effettiva che altri sono impegnati in attività illegali che erano o sono dannose per gli altri.

McBride, tuttavia, è d'accordo con Stewart, affermando che quando una fonte muore non c'è motivo di mantenere l'intervista privata a meno che le informazioni non causino danni a una persona innocente.

Alla fine, persino Stewart ha scritto: 'Quando in seguito ho riflettuto sulla nostra intervista, sono rimasto colpito da quante poche informazioni il signor Epstein avesse effettivamente fornito'.

Forse per questo motivo, ciò che Stewart ha appreso in background avrebbe dovuto rimanere in secondo piano.

Quando GateHouse e Gannett hanno annunciato l'intenzione di fondersi la scorsa settimana, c'era il timore che i licenziamenti potessero presto colpire entrambe le catene di giornali. Martedì scorso, i giornali di GateHouse hanno licenziato diversi lavoratori, ma probabilmente ciò ha più a che fare con risultati trimestrali deludenti per New Media, che possiede GateHouse, che con una possibile fusione.

La mia storia su Poynter.org descrive i licenziamenti in diversi negozi GateHouse. Il più colpito è stato l'Oklahoman di Oklahoma City, che si è separato da 14 dipendenti, di cui cinque in redazione. Ciò include Ellis Williams, un giornalista sportivo che ha accettato un'offerta di lavoro per entrare a far parte dell'Oklahoman solo per vedersi ritirata.

Tutto questo avviene meno di tre mesi dopo GateHouse licenziato diverse dozzine di giornalisti ai giornali in tutto il paese. Nel frattempo, la fusione GateHouse-Gannett non è un affare fatto. Come ho detto nella newsletter di martedì, ha riferito il New York Post che i dirigenti sono in viaggio questa settimana nella speranza di convincere gli investitori a sostenere la fusione.


L'edificio del New York Times. (Foto AP / Mark Lennihan, file)

L'editore del New York Times coinvolto in un paio di controversie di alto profilo sui social media è stato retrocesso, secondo una storia raccontata da Oliver Darcy della CNN . Jonathan Weisman, vicedirettore di Washington per il Times, è stato retrocesso dopo un tweet in cui ha suggerito che i rappresentanti democratici Rashida Tlaib del Michigan e Ilhan Omar del Minnesota non provenivano veramente dal Midwest e che il rappresentante John Lewis della Georgia non era davvero del Deep. Sud. Da allora i tweet sono stati cancellati.

C'è stato anche un altro incidente che ha coinvolto un battibecco online con Roxane Gay, che scrive articoli per il Times, dopo che Gay ha criticato Weisman per un tweet su un candidato di colore al Congresso.

In una dichiarazione, il Times ha dichiarato: “Jonathan Weisman ha incontrato oggi (il direttore esecutivo del Times, Dean Baquet) e si è scusato per i suoi recenti gravi errori di giudizio. Come conseguenza delle sue azioni, è stato retrocesso e non supervisionerà più il team che copre il Congresso o sarà attivo sui social media. Di solito non discutiamo di questioni relative al personale, ma in questo caso lo facciamo con la conoscenza di Jonathan. '

La retrocessione avviene solo un giorno dopo a Tempi riunione del personale per chiarire le cose su diversi argomenti, compreso il recente comportamento di Weisman su Twitter.

Martedì il Los Angeles Times ha dichiarato al suo staff in una nota che il Los Angeles Times en Espanol ( latimes.com/espanol ) sarà ora la piattaforma principale per il suo giornalismo in lingua spagnola. Il giornale sta ritirando il marchio Hoy Los Angeles introdotto dalla Tribune Co. nel 2004. Il cambiamento significa che l'editore di Hoy Roaldo Moran ei membri del team di vendita di Hoy lasceranno l'azienda. Alejandro Maciel diventerà direttore del LA Times en Espanol.


I pali e le linee dell'elettricità giacciono rovesciati sulla strada dopo che l'uragano Maria ha colpito Porto Rico. (AP Photo / Carlos Giusti, File)

Passa un po 'di tempo leggendo questo progetto sul ripristino di emergenza di alcuni studenti universitari eccezionali. Viene dal Carnegie-Knight News21 programma, che comprende 37 studenti giornalisti di 19 università e ha sede presso la Walter Cronkite School of Journalism and Mass Communication dell'Arizona State University.

che ha fatto il sostegno della tribuna di Chicago per il presidente

Per questo progetto, chiamato 'Stato di emergenza', gli studenti si sono recati in 25 stati, Porto Rico e Isole Vergini americane e hanno condotto centinaia di interviste mentre esaminavano migliaia di pagine di documenti governativi.

L'editore esecutivo del News21 è Jacquee Petchel, che ha vinto un Premio Pulitzer nel 1993 per aver coperto le conseguenze dell'uragano Andrew nel sud della Florida. In una dichiarazione sul progetto News21, Petchel ha dichiarato: “Questo progetto ampiamente riportato ha portato in primo piano le conseguenze durature e preoccupanti dei disastri naturali e del recupero, in particolare per le persone che vivono in comunità remote, impoverite e soggette a tempeste. Quello che abbiamo scoperto erano migliaia di persone che stavano ancora affrontando le conseguenze, mesi e persino anni dopo il fatto. '

Tutti si indignano per una sparatoria di massa. Ma solo per poco. Axios ha studiato le ricerche su Google sulle sparatorie di massa e l'interesse riscontrato per una sparatoria specifica di solito diminuisce dopo due o tre settimane. Occasionalmente ci sono eccezioni, come le sparatorie alla scuola elementare di Sandy Hook nel 2012.

Un'altra nota: altre ricerche aumentano in correlazione con le sparatorie di massa. È interessante notare che la frase 'controllo delle armi' è stata cercata più spesso dopo le sparatorie a scuola che coinvolgevano bambini.

Holly Schroth, docente presso la business school dell'Università della California, Berkeley, specializzata in psicologia sociale, ha detto ad Axios: 'Credo che le persone pensano che saranno intraprese più azioni per il controllo delle armi quando i bambini sono le vittime perché la loro morte colpisce un accordo emotivo ancora più profondo tra la popolazione '.

Adoro questa lede in a colonna di Sally Jenkins del Washington Post sul comitato olimpico degli Stati Uniti che sarebbe 'deluso' se qualche atleta si inginocchia per protestare:

'Un'organizzazione che non è riuscita a muoversi contro il molestatore di bambini Larry Nassar per accuse di abusi improvvisi sulle ginnaste vuole sanzionare gli atleti per atti di coscienza? È ridicolo, merita solo uno sbuffo derisorio. '

  • Il mio collega Ren LaForme è uscito con la sua ultima newsletter settimanale sugli strumenti digitali “Try This!”. (Iscriviti, ti piacerà.) La mia parte preferita della newsletter di questa settimana è Ren che sottolinea come il redattore capo di BuzzFeed Ben Smith ha intervistato il promettente presidente democratico Tim Ryan interamente tramite messaggi di testo . Che idea intelligente.
  • Varietà Cynthia Littleton ha tutto ciò di cui hai bisogno conoscere la fusione CBS-Viacom.
  • Il Seattle Post-Intelligencer's Joel Connelly ha la storia di una rivolta dei media. Lo staff giornalistico sindacalizzato di KCTS e Crosscut è sconvolto dopo che il rispettato caporedattore Florangela Davila è stato bruscamente lasciato andare.

Hai un feedback o un suggerimento? Inviare un'e-mail allo scrittore senior di media Poynter Tom Jones all'indirizzo tjones@poynter.org .

  • Reporting Workshop for Rising Stars (seminario). Scadenza: 16 agosto.
  • Copyright nel 2019: Internet non è il tuo archivio fotografico (webinar). 16 agosto alle 14:00 Ora orientale.

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Registrati qui.

Seguici su Twitter e così via Facebook .