La necessità fondamentale di un reportage responsabile »L'interpretazione di Fox News sulla morte di Soleimani» Cosa ti sei perso durante la pausa

Newsletter

I manifestanti bruciano una bandiera degli Stati Uniti durante una manifestazione contro l'attacco aereo degli Stati Uniti in Iraq che ha ucciso il generale della Guardia rivoluzionaria iraniana Qassem Soleimani. (AP Photo / Vahid Salemi)

Il rapporto Poynter è tornato. Buongiorno. È bello parlare di nuovo con te dopo una lunga vacanza. Benvenuti nel 2020 e nel nuovo anno in cui ogni mattina dei giorni feriali riceverai le ultime notizie e analisi sui media nella tua casella di posta.

Come sempre, dimmi cosa ne pensi. Trasmetti i tuoi commenti e suggerimenti a tjones@poynter.org . Sottolineo anche il miglior giornalismo prodotto ogni giorno, quindi se vedi qualcosa che dovrebbe essere menzionato, fammelo sapere. E racconta ai tuoi amici e colleghi di questa newsletter.



OK, passiamo al rapporto di oggi.

Manca meno di una settimana al 2020 e già si preannuncia come uno degli anni più caotici, cruciali e ricchi di eventi che questo paese abbia mai visto. Non è un'iperbole.

Tra l'impeachment, le elezioni presidenziali e, ora, l'escalation delle tensioni che potrebbero portare alla guerra in Medio Oriente, il futuro di questo paese è in bilico.

La copertura di questi eventi non è mai stata così importante. Il giornalismo responsabile non è mai stato così richiesto. Più che mai, gli americani hanno bisogno di rivolgersi a fatti forniti da giornalisti oggettivi invece di fare affidamento sulle opinioni di esperti di parte, in particolare mentre cerchiamo di comprendere appieno le conseguenze degli eventi della scorsa settimana che hanno coinvolto la morte del massimo generale iraniano, Qassem Soleimani.

E più che mai, i giornalisti devono essere diligenti, scettici ed esigenti quando si tratta di riferire sulle decisioni prese dai leader americani. La storia mostra che i nostri leader spesso ingannano quando si tratta di conflitti con altre nazioni. Dai Pentagon Papers alle affermazioni dell'amministrazione George W. Bush di L'Iraq possiede armi di distruzione di massa , abbiamo visto casi in cui il governo ha cercato di fuorviare il pubblico. Solo i media si frappongono tra la verità e l'inganno del governo.

Le abitudini di visualizzazione e lettura, ovviamente, non cambieranno. Coloro che guardano il loro canale di notizie via cavo preferito - che si tratti di Fox News, MSNBC o CNN - continueranno a farlo; lo stesso con varie pubblicazioni. Ma in un momento così cruciale, si spera che il pubblico cerchi le informazioni di cui ha bisogno di sentire, invece di cercare la rotazione che vuole sentire. E, cosa più importante, possiamo solo sperare che informazioni imparziali siano disponibili al pubblico.

La notizia si muove velocemente dopo la morte di Soleimani. In questi periodi, i consumatori di notizie cercano informazioni su fonti attendibili. E mentre molti organi di informazione hanno e continueranno a produrre rapporti approfonditi e affidabili, ce n'è uno che si distingue.

Se stai cercando una copertura particolarmente penetrante, intelligente e affidabile, potresti voler prestare attenzione alla segnalazione di Farnaz Fassihi del New York Times , che gestiva l'ufficio di Baghdad del Wall Street Journal. I suoi aggiornamenti su Twitter sono stati particolarmente produttivi, oltre che convincenti. I suoi tweet in diretta dal funerale di Soleimani questa mattina presto sono stati a dir poco inquietanti.

Oh, un altro buon seguito se già non la segui: Corrispondente internazionale della NPR Jane Arraf .


Tucker Carlson di Fox News. (AP Photo / Richard Drew)

Gli esperti di Fox News continuano a sostenere e lodare il presidente Donald Trump dopo l'attacco all'Iran. 'Fox Business' ha detto Lou Dobbs che Trump ha stabilito uno standard 'per i presidenti che la maggior parte dei mortali non sarà in grado di soddisfare'.

Sean Hannity, che si stava prendendo una pausa, chiamato nel suo spettacolo la scorsa settimana per dire , 'Dirò che il titolo principale è che questa è un'enorme vittoria per l'intelligence americana, un'enorme vittoria per i nostri militari. Un'enorme vittoria per il Dipartimento di Stato e un'enorme vittoria e una leadership totale da parte del presidente '.

Tuttavia, in una rara pausa dal presidente e dalle sue politiche, Tucker Carlson ha messo in dubbio gli attacchi.

'L'Iran è davvero la più grande minaccia che dobbiamo affrontare?' Carlson ha detto nel suo spettacolo . 'E chi ne trae effettivamente beneficio? E perché continuiamo a ignorare il declino del nostro paese a favore di un altro pantano da cui non c'è un'evidente uscita? A proposito, se siamo ancora in Afghanistan, 19 anni, tristi anni dopo, cosa ci fa pensare che ci sia una rapida via d'uscita dall'Iran? '

Va anche notato che collaboratore frequente di Fox News Geraldo Rivera ha avuto uno scambio ostile con il co-conduttore di “Fox & Friends” Brian Kilmeade venerdì mattina. Rivera ha detto a Kilmeade: 'Non iniziare neanche per un minuto a fare il tifo per questo, cosa abbiamo fatto, cosa abbiamo scatenato'.

Kilmeade ha risposto con: 'Lo farò il tifo. Sono euforico. '

Al che Rivera scattò: 'Allora tu, come Lindsey Graham, non hai mai incontrato una guerra che non ti piacesse.'

Questo fece arrabbiare Kilmeade, che disse: “Non è vero. Non dirlo nemmeno. '

Più tardi venerdì nel programma radiofonico di Kilmeade , Rivera si è scusato, dicendo: 'Non intendevo niente personalmente. Sai che sono il tuo più grande fan in questo edificio e in questa città. Penso che tu abbia davvero una comprensione totale di questioni che ci stanno profondamente assicurando, riaffermando, rassicurando. Sono solo in disaccordo sulla questione dell'uccisione di Soleimani '.


Domenica, '60 Minutes' della CBS ha trasmesso foto mai viste prima dalla cella in cui Jeffrey Epstein è stato trovato morto. (Foto per gentile concessione di CBS News)

L'autore di reati sessuali Jeffrey Epstein si è suicidato o è stato assassinato? '60 Minutes' ha approfondito questo argomento Domenica sera e sono state trasmesse foto mai viste prima del medico legale dall'interno della cella di Epstein e la sua autopsia. Alcune delle foto, secondo il patologo forense Dr. Michael Baden, suggeriscono che Epstein potrebbe non essere morto per impiccagione suicida. Baden ha indicato una foto e un rapporto in cui Epstein ha subito tre fratture al collo.

“Non ho mai visto tre fratture come questa in un'impiccagione suicida”, ha detto Baden alla corrispondente di “60 Minutes” Sharyn Alfonsi. 'Andando oltre un migliaio di impiccagioni, suicidi nelle carceri dello stato di New York City negli ultimi 40-50 anni, nessuno ha avuto tre fratture'.

Baden ha anche indicato altri esempi che hanno sollevato dubbi nella sua mente sul fatto che la morte di Epstein fosse dovuta a un suicidio.


Presentatore di talk show radiofonici Rush Limbaugh. (AP Photo / Andrew Harnik)

Il conduttore radiofonico conservatore Rush Limbaugh ha firmato un'estensione del contratto con Premiere Networks. Chi ha rivelato per primo la storia? Ebbene, tecnicamente, era il presidente Trump. Durante il raduno 'Evangelicals for Trump' in Florida la scorsa settimana, Trump ha elogiato alcuni dei suoi media preferiti e ha sbottato: 'Rush ha appena firmato un altro contratto quadriennale'.

quale presidente ha mantenuto il maggior numero di promesse elettorali

Nessun accordo era stato ufficialmente annunciato, quindi complimenti Brian Stelter della CNN per essersi verificato . Abbastanza sicuro, Premiere (parte di iHeartMedia) ha confermato che Limbaugh ha firmato un 'accordo a lungo termine'. Limbaugh ha ospitato un programma radiofonico sindacato a livello nazionale per più di tre decenni.


I Rolling Stones si esibiscono sul palco durante un concerto rock gratuito all'Altamont Speedway vicino a Livermore, in California, nel 1969. (AP Photo)

Durante le vacanze, ho avuto la possibilità di recuperare alcune lunghe letture e podcast che avevo intenzione di vedere. Ho due forti raccomandazioni.

Primo, 'Altamont' - un episodio in due parti dal podcast 'All Told' del Washington Post. “Altamont”, ottimamente ospitato e riportato dal giornalista artistico del Post National Geoff Edgers, ripercorre il famigerato concerto dei Rolling Stones del 1969 all'Altamont Speedway in California. Le piacevoli vibrazioni di Woodstock all'inizio di quell'anno non si potevano trovare da nessuna parte in un concerto pianificato frettolosamente che si rivelò mortale. Combinando il reportage originale con l'audio d'archivio, incluso quello del film del concerto 'Gimme Shelter', Edgers trasporta gli ascoltatori al concerto, e puoi effettivamente sentire l'atmosfera inquietante di quella notte e il pericolo presagio. Anche se hai familiarità con Altamont, come lo ero io, rimarrai ipnotizzato e istruito da questo pod ben prodotto. Include anche una rara intervista con una star dei Rolling Stones su quel fatidico concerto.

L'altra grande raccomandazione è quella di Skip Hollandsworth 'Il dottore, il dentista e l'assassino' in Texas mensile. È una storia agghiacciante di gelosia e stalking che è diventata omicida.


Pat McAfee, collaboratore frequente di ESPN (AP Photo / Gregory Payan)

Gli annunciatori di 'Monday Night Football' di ESPN Joe Tessitore e l'analista Booger McFarland sono spesso oggetto di critiche, soprattutto nel Twitterverse. Il duo - che, garantito, non è così completo come le migliori squadre annunciatrici di Fox, CBS o NBC - è stato fatto esplodere ancora di più dopo una performance così così che ha chiamato la partita di playoff Texans-Bills di sabato. La critica non è stata una sorpresa. Ma ciò che era inaspettato era apparentemente ottenere ombra da uno dei loro colleghi. Pat McAfee, che appare spesso su ESPN e ha chiamato i giochi del college per la rete in questa stagione, ha twittato dopo la partita di sabato che era disponibile il lunedì anche se, al momento, non c'è lavoro da svolgere in 'Monday Night Football'.

'Ricevo molti tweet in questo momento ... per rispondere. I miei lunedì sera sono stati ampiamente aperti negli ultimi 3 anni. Credo che non ci sia nulla in programma anche per il prossimo autunno '.

Quasi due ore dopo, forse rendendosi conto che (intenzionalmente o inavvertitamente) ha fatto sembrare McFarland cattivo, McAfee twittato , '3 ° uomo nello stand ovviamente *' - suggerendo che non avrebbe sostituito, ma si sarebbe unito a McFarland. L'editorialista dei media sportivi del New York Post Andrew Marchand ha chiamato McAfee, twittando , 'Non è bello twittare sul lavoro di un collega.'

Questa non è la prima volta che McAfee cerca un posto nello stand del lunedì sera. Ha iniziato una campagna su Twitter a maggio e poi ha pubblicato un dichiarazione di sette tweet dopo che non ha ottenuto il lavoro.

Hai un feedback o un suggerimento? Inviare un'e-mail a Tom Jones, scrittore di media senior di Poynter, all'indirizzo tjones@poynter.org .

  • Come ogni giornalista può guadagnarsi la fiducia (workshop). Scadenza: 10 gennaio.
  • Competenze essenziali per i leader emergenti della redazione (seminario). Scadenza: 17 febbraio.

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Registrati qui.

Seguici su Twitter e così via Facebook .