Coccodrilli, Ken Jeong e disinfettante per le mani esplosivo: i 5 migliori fact-check della CoronaVirusFacts Alliance

Controllo Dei Fatti

(Foto di Arthur Mola / Invision / AP)

PER sondaggio uscito la scorsa settimana da Gallup e dalla Knight Foundation ha mostrato che il 78% degli americani vede la disinformazione COVID-19 come un grave problema. Hanno anche scoperto che la metà si sentiva sopraffatta dall'enorme quantità di informazioni disponibili sulla malattia.

Da gennaio, i fact-checker di tutto il mondo hanno cercato di aiutare il proprio pubblico a dare un senso alla valanga di informazioni buone e cattive. La CoronaVirusFacts Alliance ha combinato gli sforzi di oltre 70 reti di verifica dei fatti provenienti da oltre 40 paesi per creare un database di verifiche dei fatti per proteggere le persone dall'infodemia COVID-19. Più di 400.000 persone in tutto il mondo hanno utilizzato questa risorsa sin dal suo inizio e 50.000 persone l'hanno utilizzata la scorsa settimana.



ci sarà un dibattito presidenziale

Il database cambia con le domande dei lettori e il lavoro intraprendente dei fact-checker. Le ricerche più popolari nel corso della vita del database hanno incluso affermazioni sui corpi delle vittime di Papa Francesco e del COVID-19 che vengono trascinati a riva. Questi cinque mostrano ciò che il nostro pubblico ha cercato nell'ultima settimana:

Mentre ce ne sono stati alcuni esempi reali di animali che riprendono habitat umani vuoti, questo esempio portato a noi da Taiwan FactCheck Center è, infatti, una bufala.

La falsa immagine mostra un coccodrillo che galleggia attraverso un canale abbandonato a Venezia. Tuttavia, la foto è un composito: una di un canale veneziano e l'altra, una foto d'archivio di un alligatore (non un coccodrillo) nelle Everglades della Florida.

Il Taiwan FactCheck Center ha anche parlato con un esperto di animali della National Taiwan Normal University che ha affermato che i coccodrilli non sono originari dei canali veneziani.

Il mondo è stato presentato per la prima volta al personaggio Leslie Chow nel film commedia del 2009 Una notte da leoni quando lui balzò nudo fuori dal bagagliaio di una Mercedes e ha iniziato a picchiare l'attore Bradley Cooper con un ferro da stiro. Mentre l'attore coreano americano che interpreta Chow (Ken Jeong) è un medico nella vita reale, il personaggio fittizio ovviamente non ha scoperto COVID-19.

Nel ridimensionare questa affermazione, entrambi ColombiaCheck e rete messicana di verifica dei fatti Lo prometto ai media ha riconosciuto che questo era un chiaro caso di satira. Tuttavia, entrambi hanno avvertito che questo divertimento apparentemente spensierato può essere riproposto come fatto.

Cristina Tardáguila, direttore associato della rete internazionale di controllo dei fatti, ha affrontato questo problema in lei rapporto settimanale sul database CoronaVirusFacts. Ha scoperto che la richiesta era circolata in 11 paesi ( Messico , Venezuela , Colombia , chili , Argentina , Bolivia , Ecuador , Guatemala , Spagna , Brasile e Francia ) che indossare una maschera potrebbe portare a un pericoloso calo dei livelli di ossigeno nel sangue, che potrebbe causare svenimenti e morte.

Sebbene sia vero che respirare troppa anidride carbonica è pericoloso, la rete di controllo dei fatti brasiliana Agência Lupa, insieme a molti altri, sottolineato che una maschera dovrebbe essere ermetica contro il viso di chi la indossa per causare il danno presunto in questa falsa affermazione.

Questa bufala è apparsa per la prima volta in Tailandia , ma alla fine si è diffuso a Costa Rica e Brasile . La sua prima incarnazione presenta un video di due giovani uomini che salgono su un'auto che prende rapidamente fuoco bruciandoli vivi.

washington post dipartimento di satira

Il fact-check di AFP Thailand ha utilizzato una ricerca di immagini inverse e ha scoperto che il video era in realtà del 2015. I due giovani erano sauditi che hanno combinato sconsideratamente un accendino con uno spray aerosol in uno spazio ristretto. AFP ha anche trovato un file Articolo di notizie egiziano dell'incidente.

Rete di controllo dei fatti costaricana La nazione ha scoperto che mentre gli incendi di automobili non sono infrequenti in Costa Rica, non ci sono state segnalazioni di disinfettanti per le mani che li causano.

I fact-checker brasiliani Aos Fatos ed Estadão Verifica hanno scoperto che un'auto avrebbe bisogno di raggiungere una temperatura interna superiore a 300 gradi Celsius (572 gradi Fahrenheit) per far bruciare il disinfettante per le mani. Uno studio di Arizona State University guardando le auto parcheggiate nel caldo estivo a tre cifre, le temperature hanno raggiunto i 160 F (71,11 C).

cosa ha detto Trump che era così brutto

Questa affermazione riguardava una serie di video mostrare alle persone che testano la qualità delle maschere mediche soffiandole attraverso per spegnere un accendino. La convinzione errata è che una maschera di qualità lo impedirà.

Il Organizzazione di comunicazione di massa della Thailandia ha parlato con il direttore generale della sanità pubblica di quel paese, il dottor Panpimol Wipulakorn, che ha smentito questa affermazione dicendo che persone diverse hanno capacità respiratorie diverse. Ha anche avvertito che l'inalazione potrebbe potenzialmente bruciare la tua maschera.

Invece, Wipulakorn ha suggerito di guardare la struttura interna della maschera, notando che le maschere mediche hanno strati filtranti per proteggere chi lo indossa dalle particelle fini. Le maschere mediche false non avranno questo strato.

Harrison Mantas è un giornalista per la rete internazionale di controllo dei fatti che si occupa di controllo dei fatti e disinformazione. Raggiungilo a hmantas@poynter.org o su Twitter all'indirizzo @HarrisonMantas .