Disinformazione o diffamazione? Gli attacchi contro Trump e Biden assomigliano a quelli visti in altri paesi

Controllo Dei Fatti

La battaglia contro la disinformazione elettorale si è trasformata anche in una lotta contro i tentativi di calunniare Trump e Biden

Di Elena Dijour / Shutterstock

Il Cambridge Dictionary è molto chiaro: ' diffamazione è l'azione di danneggiare la reputazione di una persona o di un gruppo dicendo o scrivendo cose cattive su di loro che non sono vere '. Questo è esattamente ciò che stiamo vedendo sui social media e sulle app di messaggistica in questo momento negli Stati Uniti.

La dura realtà è che, meno di due settimane prima delle elezioni presidenziali, la battaglia contro la disinformazione elettorale si è anche trasformata in una lotta contro i tentativi di diffamare Donald Trump e Joe Biden. Entrambi i candidati sono stati scelti come target su a livello personale , soprattutto tra la comunità ispanica.



Una ricerca su Google ieri utilizzando le parole 'Biden pedófilo' (lo spagnolo per 'Biden pedophile') ha offerto tre collegamenti dannosi. Il secondo, il terzo e il quarto URL più rilevanti hanno mostrato lo stesso: un video del candidato democratico che parla con giovani ragazze durante la sua cerimonia di giuramento al Senato degli Stati Uniti. Era un video C-SPAN modificato che mostrava Biden che bisbigliava ai minori anni e li abbracciava costantemente.

Il secondo URL offerto da Google porta gli utenti a un profilo Twitter che, oltre a riprodurre il contenuto modificato, dichiarava, in spagnolo: “Joe Biden, un candidato pedofilo che si candida alla presidenza degli Stati Uniti. La sinistra è un cancro contro il quale dobbiamo combattere '. Il terzo URL che appare in Google indirizza gli utenti a una pagina di YouTube intitolata: 'Joe Biden, candidato democratico negli Stati Uniti Pedophilia ??? Trai le tue conclusioni. ' E il quarto URL reindirizza l'utente a un account Facebook, che offriva anche il video modificato C-SPAN.

Un fact check pubblicato da Univision appare come primo risultato, evidenziando che non ci sono prove che Biden sia un pedofilo. Ma non è all'altezza. Nella stessa pagina, gli utenti trovano tre falsi contenuti che richiedono la loro attenzione. Guarda l'immagine qui sotto:

Ci sono anche molti pezzi di disinformazione contro Trump. È facile trovare tweet che lo accusano di aver molestato un'aspirante modella quando aveva 13 anni. Alcune persone sui social media insistono sul fatto che il repubblicano era amico di Jeffrey Epstein, rifiutandosi di riconoscere che l'attuale presidente degli Stati Uniti non ha alcun caso in sospeso su questo argomento in tribunale. Una causa, che è stata presentata nel 2016, è stata volontariamente ritirata nello stesso anno, Dice Univision .

Ma, anche così, una ricerca delle parole “Trump acoso niña” (Trump molesta una ragazza, in spagnolo) su Twitter rivela una serie di fotografie del presidente con giovani donne, seguite dalla frase: “Donald Trump ha violentato un 14- bambina di un anno quattro volte ', più una petizione:' Stanno facendo del loro meglio per rimuovere queste informazioni, per favore diffonderle '.

Sia chiaro che ciò che sta accadendo negli Stati Uniti purtroppo non è molto diverso da ciò che accade in altri paesi. In Messico, ad esempio, l'idea che l'attuale presidente Andrés Manuel Lopez Obrador avesse un problema con l'alcol si è rafforzata nel 2018. Durante la campagna messicana, i suoi detrattori hanno pubblicato un video rallentato in cui il politico appariva parlando molto lentamente, come se era ubriaco. AFP spiegato.

Nel 2017, giorni prima delle elezioni presidenziali francesi, siti web e profili su 4Chan hanno pubblicato che Emmanuel Macron aveva una società nascosta a Nevis e un conto bancario nelle Isole Cayman. La diffamazione offriva anche immagini di documenti che avrebbe presumibilmente firmato. CheckNews , l'unità di verifica dei fatti del quotidiano francese Libération, ha pubblicato un articolo in cui avverte che non c'erano prove reali contro Macron.

In altre parole: nei giorni precedenti le elezioni, gli elettori dovrebbero stare molto attenti non solo alle falsità, ma anche alla diffamazione. Le 12 organizzazioni di controllo dei fatti che stanno ora collaborando a FactChat, il chatbot di WhatsApp creato dall'IFCN, sono pronte a identificare questi tipi di attacchi. Ma è anche tua responsabilità aiutare a fermare questa agonia.

* Leggi questo articolo in spagnolo su Univision.