I media studenteschi Duke e UNC hanno raccolto 76.000 dollari per le notizie attingendo alla rivalità nel basket delle loro scuole

Affari E Lavoro

Potrebbero essere concorrenti sulla stampa e sul campo, ma queste scuole del North Carolina hanno trasformato il loro storico scontro in denaro

Uno screenshot della homepage di rivalità.

Per più di 100 anni, la più grande rivalità nel basket universitario si è svolta nelle pagine di The Daily Tar Heel presso UNC e The Chronicle at Duke . Questi due programmi mediatici universitari hanno la stessa storia delle squadre di basket che coprono. Entrambi hanno una tradizione di eccellenza: competiamo per premi e vantandoci, ei nostri laureati competono per i migliori lavori di giornalismo.

dopo il post foto fatto

Questa rivalità è una delle nostre fonti di guadagno più affidabili.



Giunta al suo terzo anno, la Rivalry Challenge, una campagna di raccolta fondi per vedere quale redazione senza scopo di lucro ha i migliori fan, è stata gestita da noi (UNC e le direttrici dei media studentesche di Duke Erica Perel e Chrissy Beck) e una sfilza di studenti, membri del consiglio e ex allievi. Siamo coinvolti nei media universitari da decenni e siamo appassionati di trovare nuovi modi per sostenere il giornalismo studentesco indipendente.

La sfida di raccolta fondi di due settimane ha raccolto un record di $ 76.445 in donazioni con The Chronicle che ha ottenuto la sua prima vittoria nella partnership triennale; ogni testata giornalistica conserva i soldi raccolti dai rispettivi donatori. I due giornali studenteschi indipendenti si uniscono anche per realizzare una storica edizione speciale in formato Stampa e in linea .

Questo punto luminoso ci ha dato molto da festeggiare in un anno scolastico altrimenti impegnativo, a causa della pandemia, del calo delle entrate pubblicitarie sulla stampa e della diffidenza generale nei confronti dei media. Quello che segue sono alcuni punti salienti di ciò che abbiamo imparato in tre anni di sfide di rivalità. Ci auguriamo che altre scuole contribuiscano a integrare i loro profitti con un qualche tipo di concorso o raccolta fondi simile e che i nostri suggerimenti e takeaway possano aiutarli a iniziare.

Ogni anno, la Rivalry Challenge raccoglie più soldi rispetto all'anno precedente. Ha avuto successo quando le squadre di basket sono alla pari, quando una di loro è significativamente migliore dell'altra e quando sono entrambe terribili. Ha avuto successo dentro e fuori dalla pandemia.

La prima Rivalry Challenge nel 2019 ha raccolto un totale di $ 50.000 in donazioni per le due redazioni. Questa innovazione di entrate di notizie ha ricevuto attenzione nazionale nei circoli giornalistici e ha creato una serie di imitatori. Nell'autunno 2019, ci sono state edizioni di rivalità di documenti studenteschi in Michigan e Ohio State, Texas e Oklahoma, Florida e Georgia, e Washington e Oregon.

E mentre abbiamo provato cose nuove ogni anno, abbiamo anche costruito quelle nuove cose su strategie che funzionano bene, tra cui:

  • Un calendario replicabile di e-mail e messaggi per diversi gruppi con parole mirate.
  • Un pop-up sul sito web che reindirizza tutti i visitatori alla pagina Rivalry.
  • Post sui social media che fanno molto affidamento sulla nostalgia.
  • Video di persone coinvolte nel pallacanestro programmi, Compreso Coach K .
  • Aggiornamento frequente del termometro per la raccolta fondi.
  • Contenuti di newsroom di alta qualità per indirizzare il traffico al sito web.
  • Attivare gli alumni per spargere la voce tra le loro reti.
  • Copertura delle notizie da parte di altri organi di stampa per diffondere la storia del perché il giornalismo studentesco è importante.
  • Eventi a sostegno della promozione della raccolta fondi: quest'anno abbiamo ospitato una serata a quiz sulla rivalità.

A The Chronicle, questa sfida ha raddoppiato la nostra base di donatori negli ultimi tre anni aiutandoci a raggiungere un pubblico in un modo diverso. Abbiamo aggiunto studenti e altri alumni volontari per gestire i compiti aggiuntivi di amministrazione. Ed è cresciuto così tanto in tre brevi anni, speriamo di aggiungere capitani di sfida specifici l'anno prossimo.

Al Daily Tar Heel, questa sfida ci ha aiutato a quadruplicare la nostra base di donatori dall'inizio del 2019. È servita ad ampliare la nostra 'canalizzazione dei donatori' oltre i nostri sostenitori più impegnati - alumni del programma - ai membri della comunità, agli appassionati di sport UNC e agli alumni di UNC che ricorda di aver letto il DTH anche se non funzionavano lì.

I media gestiti dagli studenti hanno una grande storia da raccontare. Abbiamo studenti impegnati e laboriosi, una comprovata esperienza di inserimento lavorativo e una copertura critica del campus che altri media locali forniscono sempre meno spesso. Questa rivalità ci dà la possibilità di raccontare quella storia a un pubblico più ampio.

I nostri alunni combinati hanno dimostrato il loro impegno e speriamo che ciò si traduca in alcuni dei nostri altri pubblici (potenziali studenti, appassionati di basket, genitori) mentre esploriamo l'aggiunta di opzioni di iscrizione nel prossimo futuro.

città che non hanno bisogno di stati ap style

Questa sfida ha aiutato ad abbattere le barriere nelle nostre organizzazioni: ci vuole letteralmente l'aiuto di ogni dipartimento per realizzare contenuti, vendite pubblicitarie, promozione e raccolta fondi per questo tipo di collaborazione. Non solo tutti partecipano, ci stiamo divertendo moltissimo a lavorare insieme per raggiungere l'obiettivo comune di battere il nostro acerrimo rivale. (In Duke diciamo 'GTHC' o 'Go to Hell, Carolina'. In UNC usiamo la frase 'Beat DOOK'.)

Questo pop-up sembra reindirizzare i visitatori alla pagina Rivalità.

I nostri studenti lavorano per il giornale nonostante una narrativa cupa intorno al giornalismo locale e alti livelli di sfiducia nei media nazionali, che spesso sentono dai loro stessi amici e familiari. Collaborazioni come la Rivalry Challenge mostrano agli studenti che sono capaci di eccellere, dimostrando che possono e aiuteranno a costruire un nuovo percorso per le notizie.

Entrambe le nostre organizzazioni hanno avuto le risorse e il personale per impegnarsi nella formazione professionale negli ultimi anni. Le redazioni del college e, in modo critico, il personale professionale che consiglia gli studenti, devono avere accesso a un coaching di alto livello sulla gestione del cambiamento e sul futuro del giornalismo. Esiste un percorso sostenibile per i media studenteschi - che quest'anno si è dimostrato più importante che mai - ma richiede disciplina, concentrazione e supporto.

Il programma UNC Table Stakes è stato una formazione fondamentale per entrambe le nostre organizzazioni, anche se altri programmi potrebbero colmare questa lacuna. La struttura e la disciplina hanno preparato entrambi a provare nuovi approcci alle entrate e ad alterare la nostra mentalità per collaborare con un rivale di una volta. Le testate giornalistiche universitarie possono adattarsi alle attuali abitudini dei lettori e fornire una copertura approfondita delle notizie quando sono supportate con formazione, accesso alle migliori pratiche e finanziamenti.

Negli ultimi 10 anni le redazioni universitarie di tutti i tipi sono state lentamente prive di entrate, rendendo difficile l'innovazione e l'accesso alla formazione più fuori portata. Entrambi speriamo che i finanziatori, le università e gli innovatori di notizie inizieranno a vedere che investire nei media gestiti dagli studenti darà forma al futuro delle notizie e alla prossima generazione di giornalisti.