Elizabeth Green clona il suo modello Chalkbeat con Votebeat, una redazione pop-up di tre mesi che copre le elezioni del 2020

Affari E Lavoro

Il sito è stato lanciato il 19 ottobre con uno staff di 19 persone e un budget di poco inferiore a 1 milione di dollari. Continuerà fino al giorno dell'inaugurazione.

Le cabine per il voto sulla privacy sono allestite a sei piedi di distanza l'una dall'altra nel centro di culto della Highland Colony Baptist Church a Ridgeland, Miss., Il giorno delle elezioni, martedì 3 novembre 2020 (AP Photo / Rogelio V. Solis)

Le scuole di New York City erano in crisi durante la recessione del 2008 con forti tagli al budget e uno sciopero degli insegnanti. Elizabeth Green e Philissa Cramer, due giornalisti appena usciti dal college, pensavano che la copertura ufficiale del conflitto e altre notizie sull'istruzione fosse mediocre e che avrebbero potuto fare di meglio.

Avevano ragione. Gotham Schools, il loro sito digitale senza scopo di lucro che è stato avviato in un ufficio in un seminterrato condiviso, ha preso piede. Nel 2013 si è fusa con un sito simile in Colorado per formare Chalkbeat . Ora Chalkbeat è in nove stati con uno staff di 66 persone ed è diventata un'impresa da 9,4 milioni di dollari all'anno.

Pur continuando a gestire Chalkbeat, Green ha collaborato con John Thornton, il principale finanziatore del Texas Tribune, due anni fa per fondare il Progetto giornalistico americano . Finora ha raccolto 50 milioni di dollari per la venture philanthropy, il finanziamento nella fase iniziale delle organizzazioni non profit di notizie locali. L'obiettivo, hanno affermato Green e Thornton durante il lancio, è di arrivare a $ 1 miliardo.

Questo autunno, con breve preavviso, Green ha organizzato una redazione 'pop-up' di tre mesi, Votebeat , per coprire i meccanismi e le questioni di registrazione, ballottaggio e conteggio dei risultati, con partner in otto stati.

Il suo budget era di poco inferiore a 1 milione di dollari. Con i contratti di concerto, Votebeat ha assunto l'ex redattore di notizie di Slate Chad Lorenz come direttore del progetto e altri tre editori. Ha inoltre pagato gli stipendi di 15 giornalisti con sede in 10 organizzazioni partner.

Ho parlato con Green di tutti e tre i progetti all'inizio di questo mese e ho scoperto (non con mia sorpresa) che il suo appetito per l'espansione rimane invariato.

Potrebbe premere il pulsante di pausa sulla crescita di Chalkbeat? 'Oh no, rimanete sintonizzati', ha detto. 'Abbiamo 60 città in lista d'attesa.' Chalkbeat ha un impatto sia sulle località in cui opera sia come modello per la struttura nazionale-locale (sia per le notizie che come modello di business), ha continuato, 'ma siamo troppo piccoli'.

Votebeat è nato dalla sensazione che la formula di competenza in materia di Chalkbeat, abbinata agli stivali sul campo per una svolta locale, potesse funzionare per le elezioni di novembre. Soprattutto con una serie emergente di domande su come funzionerebbe il mutevole mix di votazioni dal vivo e per posta e sui sostenitori del presidente Donald Trump che 'abbracciano le sfide all'integrità' del risultato.

Attingendo alla sua rete di finanziatori e collaborando con partner rispettati come CalMatters e le stazioni NPR a Charlotte e Atlanta, ha messo insieme un piano in poche settimane e ha iniziato a pubblicare il 19 ottobre.

Nonostante l'assenza di lunghe linee di voto per il giorno delle elezioni e qualsiasi grosso problema nei conteggi delle schede elettorali, Green considera l'esperimento un successo. 'Ho imparato molto sulla storia stessa' - da spiegatori su come funzionava il processo, variando da stato a stato, a profili di supervisori elettorali che non avevano mai avuto quel livello di attenzione.

Le sono piaciute anche le caratteristiche come quelle su come vengono utilizzati più furgoni per guidare in modo sicuro le schede elettorali da un posto all'altro in California, o una donna della Carolina del Nord che ha votato involontariamente due volte (ed è stata rilevata dal sistema).

I titoli di Votebeat mercoledì includevano ' CEO di Dominion: il Michigan vota le dichiarazioni fraudolente 'oltre il bizzarro' e 'pericoloso' '' ‘ Come il capo delle elezioni di Milwaukee ha guidato un conteggio dei voti ad alta pressione ; ' e, dalla California, ' Se avesse avuto una casa, avrebbe potuto votare . '

La corsa di tre mesi continua fino al giorno dell'inaugurazione, il 20 gennaio.

Green ha detto che lei ei suoi collaboratori di Votebeat non hanno deciso il futuro. Ma vede la necessità sia di continuare ora che di tornare per il prossimo ciclo con questioni che incombono come la riorganizzazione distrettuale, la legislazione e una più rapida tabulazione dei risultati.

La sua seconda conclusione è stata una maggiore fiducia che la struttura di Chalkbeat potrebbe essere applicata al voto e forse in futuro ad altri argomenti: salute pubblica, giustizia penale o polizia.

Da quando ho incontrato Green a una conferenza del Pew Research Center anni fa, sono rimasto incuriosito da ciò che rende una storia di Chalkbeat una storia di Chalkbeat, con l'istruzione pubblica K-12 un argomento di qualsiasi copertina di giornale di medie dimensioni.

In una parola, direi contesto: un livello di dettaglio e analisi che supera i frame della storia dell'educazione standard. Green, da sempre appassionato di trasparenza, lo ha fatto un articolo di 21 pagine sullo scopo e l'approccio di Chalkbeat pubblicato sul suo sito.

Ho visitato gli uffici di Chalkbeat durante l'estate del 2016, poi in un vasto spazio adiacente a un'aula del doposcuola in un edificio anonimo a Broadway, 10 isolati a sud di Times Square.

Ho incontrato Rebecca Ross, che all'epoca aveva appena iniziato come COO e co-fondatrice Cramer, che ha curato le storie di New York City fino a quando non ha lasciato a gennaio per diventare redattore capo della Jewish Telegraphic Agency.

Ross mi ha detto che mentre Chalkbeat continuava a crescere, Green stava per diventare un manager oltre che un leader - una formulazione che sembrava spaventare Green quando le ho chiesto a riguardo. Se non era già una delegante, lo è adesso. Non vedo prove che sia troppo estesa (sebbene sia la madre di un bambino di 2 anni e abbia trovato il tempo per pubblicare un libro su ciò che rende un insegnante eccellente ).

quanto costa un giornale oggi

Come un altro prodotto secondario di Chalkbeat, Green e i suoi colleghi hanno sviluppato l'open-source Misure dell'influenza dei nostri rapporti , o MORI, per documentare i cambiamenti che il loro lavoro ha aiutato a istigare.

Un aspetto della struttura Chalkbeat e Votebeat è che le storie dagli hub regionali vengono raccolte in un unico posto per coloro che desiderano un'istantanea delle notizie nazionali.

Per il suo modello di business, Chalkbeat ha prosperato grazie ai finanziamenti della fondazione e dei benefattori, forse beneficiando di un argomento che attrae gruppi di interesse di tutti i tipi che sono attratti dall'approccio imparziale del sito (Chalkbeat ha avuto il sostegno sia dei sindacati degli insegnanti che dei sostenitori delle scuole charter ). La documentazione MORI dei successi aiuta anche nell'ottenere sovvenzioni.

L'American Journalism Project, nonostante il suo strabiliante obiettivo di raccolta fondi, è, per certi versi, la parte più semplice del portfolio di Green. Il co-fondatore Thornton mi ha detto in un'intervista , mentre lui e Green stavano iniziando, che potessero deludere alcuni investendo interamente nella capacità di gestione e sviluppo.

Il progetto ha costruito uno staff professionale su un modello tradizionale con l'amministratore delegato Sarabeth Berman, la cui esperienza è stata in progetti di insegnamento internazionali, insieme a concessori e cercatori di finanziamenti. Green ha detto che rimane co-presidente del consiglio ma non ha alcun coinvolgimento quotidiano.

In un anno di crescente interesse per una sorta di sussidio federale del giornalismo locale, Green è nel campo che dovrebbe essere fatto e può essere con un'adeguata protezione dell'indipendenza giornalistica. 'È bello trovare i soldi dei contribuenti per tenere informata la democrazia', ​​mi ha detto.

Green favorisce il Local Journalism Sustainability Act , in cui il governo coprirebbe fino a $ 250 per contribuente per un abbonamento o una donazione a un canale di notizie preferito. Pur non essendo contraria al crescente numero di unità di rendicontazione speciali finanziate con filantropia nei giornali, Green ha detto che si oppone categoricamente alle fatture sostenute dal settore che 'sono solo un sussidio per gli avvoltoi degli hedge fund'.

Speravo che parlando con Green ottenessi una dose di ottimismo alla fine di un anno difficile. Lei non ha deluso. 'Sono davvero incoraggiata ogni anno a vedere i progressi nel movimento', ha detto. “Dove saranno le notizie locali? Vedo il 2021 come un punto di svolta ”di un'espansione accelerata.

Quando si incontra con potenziali finanziatori, ha aggiunto, 'dico loro che qualunque altra cosa stiano facendo, il giornalismo è un investimento migliore per costruire la democrazia'.