L'analista di ESPN Jessica Mendoza colpisce »La CNN deve affrontare un vero e proprio lavoro da hacker» Qual è la cosa giusta per 'The View'?

Newsletter

Il tuo rapporto Friday Poynter

Analista di baseball ESPN Jessica Mendoza. (Foto di Willy Sanjuan / Invision / AP)

Buon venerdì mattina. In osservanza del Martin Luther King Jr. Day, lunedì non ci sarà un rapporto Poynter. Ci vediamo qui martedì. Buon fine settimana e passiamo direttamente alla newsletter di oggi.

Oggi iniziamo con qualcosa di un po 'meno cupo dell'impeachment e un po' meno significativo dei dibattiti. Si tratta di sport. Ma è una questione seria sull'etica del giornalismo e, beh, semplicemente sul fare la cosa giusta.

Jessica Mendoza è un'analista della Major League Baseball per ESPN. È anche una consulente retribuita dei New York Mets. L'ho già scritto, ma è un grave conflitto di interessi e quel conflitto ha rialzato la testa giovedì.

grafico dei pregiudizi politici delle agenzie di stampa

Mendoza ha partecipato al programma televisivo / radiofonico ESPN 'Golic and Wingo' parlando degli Houston Astros che usano la tecnologia per rubare i segnali degli avversari sulla strada per la vittoria delle World Series 2017. La storia è stata raccontata da The Athletic sito web e basato in parte sulle informazioni fornite da Mike Fiers, che ha lanciato per l'Astros quella stagione. Da allora, l'Astros GM e il manager sono stati sospesi, quindi licenziati.

Mike Golic Sr. ha chiesto a Mendoza: 'Hai un problema con Mike Fiers che lascia gli Astros, va in un'altra squadra e poi diventa pubblico con tutto questo?'

Mendoza ha detto: 'Diventare pubblico, sì. Non mi andava bene. '

Ha continuato dicendo: 'Onestamente, mi ha reso triste per lo sport che è così che è stato scoperto tutto questo. Questo non era qualcosa su cui l'MLB ha indagato naturalmente o di cui anche altre squadre si sono lamentate perché naturalmente ne hanno sentito parlare e poi sono iniziate le indagini. Veniva da dentro, era un giocatore che ne faceva parte, che ne beneficiava durante la stagione regolare quando faceva parte di quella squadra. Quando ne ho sentito parlare per la prima volta, ti colpisce come farebbe qualsiasi compagno di squadra. È qualcosa che non fai. Lo racconto totalmente ai tuoi futuri compagni di squadra, aiutandoli a vincere, facendolo sapere alla gente. Ma renderlo pubblico e chiamarli fuori e iniziare tutto questo, è difficile da digerire '.

Quindi cerchiamo di capire bene: la parte per cui Mendoza è triste è COME è scoppiata questa storia? E non che gli Astros siano imbroglioni?

Ora ecco la parte del conflitto: Mendoza è pagato dai Mets e il nuovo allenatore dei Mets, Carlos Beltran, era un giocatore di quella squadra di Astros che ha barato. Al momento dei commenti di Mendoza, Beltran era ancora il manager. È stato licenziato più tardi nel corso della giornata.

Sports Illustrated's Jimmy Traina lo ha riassunto bene quando ha scritto , 'Il tuo principale analista di Sunday Night Baseball è appena entrato nella tua rete e ha detto che Fiers avrebbe dovuto parlare ad alcune persone, ma non a tutte le persone, dell'imbroglio.' Ha poi aggiunto sarcasticamente: 'Ottima ripresa'.

Il contraccolpo è stato così rapido e duro che Mendoza è andata su Twitter per chiarire le sue osservazioni .

Ha detto che il gioco 'trarrà grandi benefici' perché è stato scoperto il furto di segni. Tuttavia, ha detto che Fiers avrebbe dovuto affrontare la sua squadra o la Major League Baseball. A quel punto, ha aggiunto, 'Le menti ragionevoli possono non essere d'accordo'.

Poi si è rivolta alla sua connessione con i Mets, scrivendo: “Voglio rendere più chiaro che il mio ruolo di consulente con il team non plasma la mia opinione in alcun modo, forma o forma su questo argomento. Mi sento così indipendentemente da quali squadre, giocatori o allenatori siano coinvolti '.

Bene, lascia che sia più chiaro: È UN CONFLITTO DI INTERESSI. Le sue affermazioni di innocenza non sono abbastanza buone. A prescindere dalla sua opinione originale su Fiers, che personalmente pensavo fosse orribile, il fatto che sia pagata dai Mets danneggia gravemente la sua credibilità. Come può essere un'analista oggettiva mentre viene pagata da uno dei team su cui dovrebbe essere obiettiva? Come può essere obiettiva nei confronti dei rivali di Mets? Perché ESPN continua a consentire questo è al di là di me.

ESPN dovrebbe dire a Mendoza: “O lavori per noi a tempo pieno o lavori per i Mets. Non puoi fare entrambe le cose. '


La senatrice Martha McSally (R-Ariz). (AP Photo / Alex Brandon)

La senatrice Martha McSally, repubblicana dell'Arizona, si è scagliata contro un giornalista della CNN giovedì, definendolo un 'hack liberale' quando ha cercato di fare una domanda sul processo di impeachment di Donald Trump.

Manu Raju della CNN ha camminato accanto a McSally mentre si stava dirigendo verso una sala delle udienze e ha chiesto: 'Sen. McSally, il Senato dovrebbe prendere in considerazione nuove prove come parte del processo di impeachment? '

McSally ha detto: 'Manu, sei un hacker liberale. Non sto parlando con te.'

Raju ha poi chiesto: 'Non hai intenzione di commentare?'

E McSally ha risposto dicendo: 'Sei un hacker liberale, amico'.

voto per l'assistenza sanitaria oggi

In seguito, la CNN ha rilasciato una dichiarazione che diceva: 'È estremamente sconveniente per un senatore degli Stati Uniti scendere a questo livello e trattare in questo modo un membro della stampa semplicemente facendo il suo lavoro'.

McSally non si è tirato indietro. In realtà ha pubblicato il suo video dello scambio su Twitter e ha detto 'tu sei', presumibilmente nel senso che crede che Raju sia un 'hacker liberale'.

McSally ha perso una corsa per il Senato contro il democratico Kyrsten Sinema nel 2018, ma poi è stato scelto per sostituire John McCain al Senato dopo la morte di McCain. Sta correndo per la rielezione.

Non esiste una storia nota tra McSally e Raju, ma Maggie Haberman del New York Times, in un tweet , essenzialmente ha detto che scontrarsi con un giornalista della CNN sull'impeachment di Trump aiuta la reputazione di McSally tra la base repubblicana, e questo sembra essere vero sulla base dei commenti sotto il tweet di McSally sull'incidente.


Meghan McCain di 'The View', a sinistra, è con il rappresentante Tulsi Gabbard (D-Hawaii). (Foto di Jason Mendez / Invision / AP)

'The View' della ABC ha un problema con Meghan McCain? Questo è ciò che scrittore e giornalista culturale Shamira Ibrahim ha scritto in un editoriale per la sezione di opinione del New York Times. Il pezzo faceva riferimento ai battibecchi in onda di McCain con i suoi co-conduttori, così come i leader democratici come la candidata presidenziale Elizabeth Warren.

Ibrahim scrive: 'Nei primi giorni del suo arrivo, le chiacchiere in onda del commentatore conservatore hanno reso la TV divertente. Ora, è solo estenuante. '

Ha anche scritto: 'Le repliche sempre più aggressive dei suoi co-conduttori sono aumentate fino all'equivalente televisivo diurno di una lotta in gabbia per il pubblico, riflettendo le frustrazioni del discorso nel nostro attuale clima politico sotto la lente d'ingrandimento della dura illuminazione da studio'.

Ci sono alcuni rapporti secondo cui Abby Huntsman lascerà lo spettacolo, in parte, perché lei e McCain non vanno d'accordo.

È un punto interessante sollevato da Ibrahim. Il ruolo di McCain con 'The View' rappresenta una voce conservatrice necessaria su vari argomenti politici? O McCain è una distrazione che si aggiunge alla divisione?

Don Lemon è nei guai

Direi che ci vogliono due persone per ballare il tango: perché McCain dovrebbe prendersi la sola colpa per i disaccordi sullo spettacolo? Non sta litigando con se stessa. E nota la parola che ho appena usato: mostra. In definitiva, è un programma televisivo. Oltre ad essere informativo, deve anche essere divertente e la presenza di McCain è una parte importante di questo intrattenimento.

Co-conduttore di MSNBC 'Morning Joe' Joe Scarborough ha twittato , 'La sinistra ha baciato John McCain ogni volta che ha detto la verità a Trump, ma non riesce a sopportare che sua figlia dica la propria opinione quando non si adatta perfettamente a una visione progressista del mondo? Apri la tua mente.'

Suggerire che McCain non dovrebbe essere nello show solo perché non è d'accordo con tutto ciò che è stato detto in quello show non dovrebbe essere scoraggiato o punito. Dovrebbe essere applaudito. Dopotutto, non è questo il punto centrale di un talk show?

Il giornalista Michael Calderone lascia Politico per unirsi a The Hive di Vanity Fair come redattore senior. The Hive è un franchise di Vanity Fair che si concentra su media, affari e tecnologia.

Questo è un grosso problema. Calderone è una delle voci più rispettate nella copertura mediatica e la sua assunzione mostra l'impegno di Vanity Fair a rafforzare la sua copertura mediatica appena prima delle elezioni del 2020.


ESPN 'Pardon the Interruption' co-conduttori Tony Kornheiser, a sinistra, e Michael Wilbon. (Foto per gentile concessione di ESPN)

'Pardon the Interruption' di ESPN sta subendo un piccolo rinnovamento. Lo spettacolo - che per i miei soldi è il miglior programma di conversazione sportiva nella storia della TV - farà il suo debutto lunedì con un nuovo set.

Non preoccuparti, il set avrà ancora le teste sui bastoni in sottofondo e continuerà a essere registrato presso l'ufficio ABC News a Washington, DC (A proposito, è lo stesso studio in cui si trasferirà lo 'SportsCenter' di mezzanotte di Scott Van Pelt a fine anno.)

In una dichiarazione, il produttore esecutivo di “PTI” Erik Rydholm ha dichiarato: “Riteniamo che lo spettacolo sia già così comodo da ospitare e da guardare, quindi non abbiamo apportato cambiamenti drastici. Il pensiero guida era: 'Uguale, ma migliore.' '

Allora cosa ci sarà di nuovo? In particolare un grande schermo LED che mostrerà grafica, animazioni, titoli di segmenti e altro ancora. Inoltre, ci saranno alcune altre sottili campane e fischietti.

Sembra tutto bello, ma potresti attaccare i co-conduttori Tony Kornheiser e Michael Wilbon su due sedie a sdraio nel mezzo di un parcheggio e sarebbe comunque il miglior programma di dibattito sportivo in TV grazie alla loro conoscenza, carisma e cameratismo. Incredibile che lo spettacolo abbia ancora lo stesso succo dopo quasi 19 anni in onda.

Hai un feedback o un suggerimento? Inviare un'e-mail allo scrittore senior di media Poynter Tom Jones all'indirizzo tjones@poynter.org .

  • Scrivi il tuo cuore: The Craft of the Personal Essay (seminario di gruppo in linea). Scadenza: 24 gennaio.
  • Poynter Producer Project (di persona e online). Scadenza: 17 febbraio.

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Registrati qui.

Seguici su Twitter e così via Facebook .