La conduttrice di Fox News Laura Ingraham ha affermato che 'non esiste una vera base scientifica' per il distanziamento sociale. Ha torto.

Controllo Dei Fatti

Due influenti studi del 2007 hanno esaminato la pandemia influenzale del 1918 e hanno scoperto che i luoghi con politiche di allontanamento sociale erano generalmente in condizioni migliori.

La commentatrice politica conservatrice Laura Ingraham parla durante il terzo giorno della Convention Nazionale Repubblicana a Cleveland, mercoledì 20 luglio 2016. (AP Photo / Mark J. Terrill)

Nota del redattore: PolitiFact, che è di proprietà del Poynter Institute, sta verificando la disinformazione sul coronavirus. Questo articolo è stato ripubblicato con il permesso e originariamente apparso Qui .

  • Esperti di salute pubblica ed epidemiologia hanno affermato che l'affermazione di Ingraham è sbagliata. C'è molta scienza dietro le distanze sociali.
  • Due influenti studi del 2007 hanno esaminato la pandemia influenzale del 1918 e hanno scoperto che i luoghi con politiche di distanziamento sociale stratificate e sostenute erano generalmente in condizioni migliori.
  • Si ritiene che il coronavirus si diffonda principalmente tra le persone a stretto contatto.

Vedi le fonti per questo fact-check



La conduttrice di Fox News Laura Ingraham ha falsamente affermato su di lei programma televisivo che non c'è 'nessuna base scientifica reale' dietro riduzione dei contatti , la pratica di tenersi a distanza dagli altri per ridurre la diffusione di malattie infettive come COVID-19.

mike pence editoriale

'Anche se intuitivamente penso che probabilmente sembrava che il distanziamento sociale sarebbe stato necessario, non c'era una vera base scientifica per credere che, dal momento che non era mai stato studiato', ha detto Ingraham.

Gli americani hanno ampiamente seguito le direttive di distanziamento sociale per 'appiattire la curva' dei nuovi casi di coronavirus e impedire che gli ospedali vengano allungati oltre la capacità . In assenza di test diffusi, la maggior parte degli americani lo ha fatto supportato tali sforzi di mitigazione.

Ma proteste sparse hanno anche catturato l'attenzione e guidato esperti come Ingraham e compagni Il presentatore di Fox News Tucker Carlson per chiedere la fine di più chiusure in tutto lo stato come morti negli Stati Uniti a causa del coronavirus top 70.000 .

I membri della task force sul coronavirus della Casa Bianca hanno incoraggiato l'allontanamento sociale. Il presidente Donald Trump ha attribuito alle chiusure a livello nazionale il salvataggio di 'milioni di vite' di recente 3 maggio in un municipio .

Ma mentre lo è difficile da valutare l'esatto impatto delle politiche di allontanamento sociale finora, gli esperti ci hanno detto che l'affermazione di Ingraham è sbagliata. C'è molta scienza dietro le distanze sociali.

'È uno dei pochi strumenti che sappiamo funziona nel caso di un nuovo virus sconosciuto come questo', ha affermato Thomas Novotny, epidemiologo presso la San Diego State University.

Fox News non ha risposto alle richieste di commento.

Con il coronavirus ancora in corso, gli studi sull'impatto degli sforzi di mitigazione stanno appena emergendo. Ma le epidemie passate di malattie respiratorie sono state istruttive, hanno detto gli esperti.

Nel suo programma, Ingraham ha citato un recente studia sugli effetti dei blocchi nell'Europa occidentale e una clip del biologo della Stanford University Michael Levitt che definisce i blocchi europei un 'errore'.

Ha anche evidenziato un recente Intervista alla CBS News in cui Scott Gottlieb, ex commissario della Food and Drug Administration, ha affermato che la mitigazione 'non ha funzionato come ci aspettavamo'.

quanto costa essere agli arresti domiciliari

Gottlieb ha lui stesso incoraggiato allontanamento sociale, tuttavia. E il studia dei paesi europei, che non è stato ancora sottoposto a peer review, non dice che il distanziamento sociale è inutile, ma piuttosto che le misure di allontanamento sociale 'hanno approssimativamente gli stessi effetti' dei blocchi completi.

'Il mio lavoro non mette in discussione l'efficacia del distanziamento sociale', ha detto Thomas Meunier, il ricercatore dietro lo studio.

Charles Branas, presidente del dipartimento di epidemiologia della Columbia University, ha affermato che l'allontanamento sociale 'è un modo fondamentale per interrompere la trasmissione della malattia nelle popolazioni'.

'Dire che non c'erano basi scientifiche per credere che è come dire che non ci sono basi scientifiche per l'epidemiologia', ha detto.

Il concetto di limitare il contatto da persona a persona risale a secoli fa . Ma gli interventi non farmaceutici, come sono note le pratiche che associamo al distanziamento sociale, sono diventati ufficiali Politica degli Stati Uniti sotto il presidente George W. Bush nel 2007, secondo il New York Times .

Il cambiamento è avvenuto dopo che i ricercatori hanno guardato indietro alle risposte del governo all'influenza del 1918, che ha ucciso circa 675.000 americani . Elaine Nsoesie, assistente professore di salute globale presso la Boston University, ha affermato che la pandemia ne ha visti molti misure per evitare i contatti messo in atto, compresi i divieti di raduni e chiusure di scuole.

Uno studio in Giornale dell'Associazione Medica Americana esaminato allontanamento sociale in 43 città per circa 24 settimane nel 1918 e 1919. Ha riscontrato che le città hanno sofferto meno quando hanno implementato il distanziamento sociale in modo rapido, completo e per un periodo di tempo prolungato.

come trovare il numero di previdenza sociale di una persona

Un secondo studio, pubblicato da Atti della National Academy of Sciences , incentrato su 17 città degli Stati Uniti. Ha rilevato che quelli con interventi precoci e stratificati avevano curve epidemiche più piatte e tassi di mortalità di picco inferiori di circa il 50% rispetto alle città che non hanno adottato misure simili.

Quei risultati divennero la base per le politiche adottate dall'amministrazione Bush e successivamente modificata sotto il presidente Barack Obama.

Studi della pandemia del 1918 'indicava che l'implementazione precoce di molteplici interventi di allontanamento sociale era associata a un tasso di mortalità inferiore al culmine dell'epidemia', ha detto Nsoesie.

David Hamer, professore di salute e medicina globale presso la Boston University, ci ha detto che l'affermazione di Ingraham non è corretta: 'È stato dimostrato che gli interventi non farmaceutici aiutano a ridurre il numero complessivo di casi e la mortalità correlata al virus'.

Questo perché la contrazione delle riunioni 'dovrebbe portare a una minore esposizione a individui potenzialmente infetti e quindi ridurre il potenziale di trasmissione', ha detto Hamer.

Altro valutazioni dell'allontanamento sociale, del lavaggio delle mani, dell'uso di maschere e degli interventi correlati stato compilato dal Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie , soprattutto perché si riferiscono a pandemie influenzali. (Vedere pagina 23 di questo documento CDC 2017 , per esempio.)

Quello che sappiamo su COVID-19 suggerisce anche che il distanziamento sociale funziona, hanno detto gli esperti.

Hamer ha citato il Imperial College of London's proiezione che gli Stati Uniti potrebbero vedere fino a 2,2 milioni di morti per COVID-19 se non facessero nulla per rallentare la diffusione, così come un studio non ancora sottoposto a revisione paritaria di ricercatori svizzeri che hanno stimato l'impatto di vari interventi sui nuovi casi.

I ricercatori svizzeri hanno affermato che gli interventi non farmaceutici hanno contribuito a 'una forte riduzione complessiva' di nuovi casi, con chiusure di sedi, chiusure di frontiere, politiche di lavoro da casa e limiti ai grandi raduni con il maggiore impatto.

Il coronavirus si diffonde principalmente tra le persone a stretto contatto, attraverso goccioline respiratorie lanciate nell'aria quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla, secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie .

'Quelle goccioline, mentre cadono dall'aria, qualcun altro potrebbe inalarle o introdurle nella loro bocca o nei loro occhi', ha detto Lauren Sauer della Johns Hopkins University su un podcast universitario . 'Ed è per questo che devi essere a meno di 6 piedi di distanza per essere davvero a rischio.'

Ingraham ha detto che 'non c'era una vera base scientifica per credere che' l'allontanamento sociale sarebbe stato necessario ', poiché non era mai stato studiato'.

Gli esperti con cui abbiamo parlato hanno citato una serie di studi - comprese due influenti analisi dell'influenza del 1918 - che mostrano che la distanza sociale può aiutare a rallentare la diffusione di nuove malattie infettive.

il vicepresidente della CBS ha licenziato gli snopes

Valutiamo questa affermazione come falsa.

PolitiFact, che controlla la disinformazione sul coronavirus, fa parte del Poynter Institute. Vedi altri loro fact-check su politifact.com/coronavirus .