Come il Washington Post ha intervistato il fratello di Parkland, Tom Brokaw si scusa, la mossa del Newseum

Newsletter

La tua carrellata di notizie di lunedì

In questa immagine tratta da un video fornito mercoledì 8 agosto 2018 dall'ufficio dello sceriffo della contea di Broward, Zachary Cruz, a sinistra, reagisce mentre parlava con suo fratello Nikolas Cruz in una stanza degli interrogatori a Fort Lauderdale, Florida. Mercoledì rilasciato ore di video interrogatorio del sospetto di sparatoria a scuola Nikolas Cruz. (Ufficio dello sceriffo della contea di Broward tramite AP)

La storia dietro una storia straziante

E se l'unica vera famiglia che ti era rimasta in questo mondo si fosse rivelata uno dei più famigerati assassini di massa della storia?

Questa è la realtà per Zachary Cruz e l'argomento di a storia da leggere scritto dal Washington Post presenta la scrittrice Jessica Contrera che è apparsa nell'edizione di domenica.



Quasi un anno fa - San Valentino 2018 - 14 studenti e tre membri del personale furono uccisi alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida. Il tiratore era allora il diciannovenne Nikolas Cruz, fratello maggiore di Zachary di due anni. I due condividevano la stessa madre e sono stati adottati da bambini. Ma i loro genitori adottivi ora sono morti. Hanno solo l'un l'altro.

'Sono bloccato tra amarlo e odiarlo per quello che ha fatto', ha detto Zach al Post.

Come ha fatto Contrera a riportare e scrivere una storia così potente? Tutto è iniziato quando ha incontrato Zach in una conferenza stampa lo scorso giugno, quando lui annunciava la sua organizzazione anti-bullismo. A quel punto, si era trasferito in Virginia ed era sotto la cura di Nexus Services, una società di servizi di obbligazioni per l'immigrazione che il Post ha indagato per presunta predazione di immigrati privi di documenti.

in movimento ap stile con trattino

'Nexus ha accettato di lasciarmi scendere e passare un po 'di tempo con Zach, ma ha ripetutamente annullato all'ultimo minuto', ha detto Contrera in uno scambio di e-mail con Poynter.

Quando alla fine Nexus non si è annullato, Contrera non ha potuto ancora incontrare Zach. Era in ospedale a causa di un calcolo renale.

'Cominciavo a pensare che l'incontro non sarebbe avvenuto', ha detto Contrera.

Contrera si è recato in Florida a dicembre per incontrare finalmente Zach in una delle udienze di Nikolas Cruz. Riuscì a intervistarlo, anche se Zach non era mai solo quando parlavano. Contrera è tornato a Washington per scrivere la storia. Ha trascorso una giornata a lavorare su uno schema completo e poi ha trascorso due giorni a scrivere la storia.

'Una sezione alla volta con molte pause per uno spuntino', ha detto Contrera.

Ha consegnato una prima bozza e dopo diverse revisioni con l'editore Lynda Robinson ha avuto un brillante lavoro. La versione online include un video affascinante di uno scambio emotivo tra i due fratelli.

'Penso che sia giusto dire che è stato davvero difficile', ha detto Contrera. 'Per prima cosa, è solo un argomento incredibilmente emozionante. Ho denunciato a Parkland subito dopo la sparatoria, cercando di capire quanto fosse profondamente traumatizzante per i ragazzi coinvolti. L'orrore di tutto questo mi è rimasto addosso. ''

I commenti controversi di Brokaw

Il veterano di NBC News Tom Brokaw ha suscitato polemiche durante un'apparizione al 'Meet The Press' di domenica, dopo aver detto: 'Gli ispanici dovrebbero lavorare di più per l'assimilazione'. Brokaw ha fatto i suoi commenti durante una tavola rotonda sulla chiusura del governo per la richiesta del presidente Donald Trump di un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

'Sono i matrimoni misti in corso e le culture che sono in conflitto tra loro', ha detto Brokaw. “Mi è anche capitato di credere che gli ispanici dovrebbero lavorare di più per l'assimilazione. Questa è una delle cose che dico da molto tempo. Sai, non dovrebbero essere solo codificati nelle loro comunità, ma assicurarsi che tutti i loro figli stiano imparando a parlare inglese e che si sentano a proprio agio nelle comunità. E questo si farà sentire su entrambi i lati, francamente. '

Più avanti nel programma, 'PBS NewsHour’s' Yamiche Alcindor, anche lei alla tavola rotonda, ha ribadito le parole di Brokaw, dicendo: 'Vorrei solo dire che dobbiamo anche adattare ciò che pensiamo come America. Stai parlando di assimilazione. Sono cresciuto a Miami, dove le persone parlano spagnolo, ma i loro figli parlano inglese. E l'idea che pensiamo che gli americani possano parlare solo inglese, come se lo spagnolo e altre lingue non facessero sempre parte dell'America, è, in qualche modo, preoccupante. '

Brokaw è stato immediatamente criticato per le sue osservazioni e ha risposto su Twitter domenica sera. Nel per serie di tweets , Brokaw ha scritto:

“Mi sento malissimo che una parte dei miei commenti sugli ispanici abbia offeso alcuni membri di quella cultura orgogliosa

come scrivere parole brevi per tempi veloci

'Dai miei giorni in cui scrivevo di cesar chavez alla documentazione dei numerosi contributi degli ispanici in tutte le parti della nostra cultura

'Ho lavorato duramente per abbattere i falsi tipi di stereo. Nel mio commento finale su Meet ho detto che TUTTE le parti dovrebbero lavorare di più

“Nel trovare un terreno comune - cosa che credo fermamente. Dialogo, non divisione. '

Due ore dopo, Brokaw aggiunto di più su Twitter, scrivendo:

“Mi dispiace, mi dispiace davvero, i miei commenti lo erano offesa a molti, il grande duraturo americano la tradizione della diversità deve essere celebrata e apprezzata. yamiche , grazie per i tuoi commenti. Andiamo avanti insieme.

Obama dovresti saperlo meglio

E poi :

Infine, mi dispiace - non ho mai inteso screditare alcun segmento della nostra società ricca e diversificata che definisce chi siamo.

E poi :

Infine, mi dispiace di non essere riuscito a trasmettere la mia ferma convinzione che la diversità, dinamica e inclusiva, è ciò che rende grande l'America.

Newseum da vendere

Il Newseum, l'istituzione dedicata alle notizie e al Primo Emendamento, cerca una nuova casa. La Johns Hopkins University sta acquistando l'edificio di Washington, D.C. che ospita il Newseum per $ 372,5 milioni. The Freedom Forum, la fondazione privata che ha creato il Newseum ed è il suo principale finanziatore, ha detto al Washington Post che il Newseum rimarrà nella sua posizione attuale su Pennsylvania Avenue fino alla fine dell'anno.

'Questa è stata una decisione difficile, ma responsabile', ha dichiarato al Washington Post Jan Neuharth, presidente e amministratore delegato del Freedom Forum. 'Rimaniamo impegnati a continuare i nostri programmi - in modo finanziariamente sostenibile - per difendere le cinque libertà del Primo Emendamento e per aumentare la consapevolezza del pubblico sull'importanza di una stampa libera ed equa.'

Nella sua posizione attuale, un punto privilegiato non lontano dal Campidoglio e dal National Mall, il Newseum vanta sette livelli con 15 gallerie e 15 teatri.

Nel suo annuncio , Johns Hopkins ha detto che dopo che sarà subentrato il prossimo anno, impiegherà circa due anni a ristrutturare l'edificio.

'È una struttura enorme e intendiamo apportare alcuni importanti cambiamenti', ha affermato Lee Coyle, Senior Director of Planning and Architecture di Johns Hopkins.

La domanda più grande per i drogati di notizie è dove finirà il Newseum - una domanda senza risposta al momento.

La CNN ottiene lo scoop

Come ha fatto la CNN a ottenere il video drammatico dell'FBI che fa irruzione nella casa del confidente di Donald Trump Roger Stone lo scorso venerdì mattina? Molti credono che la CNN sia stata informata, ma la rete dice che era un buon giornalismo vecchio stile. In un articolo sul suo sito web, la CNN afferma che c'erano 'prove sufficienti in agguato nell'attività del consulente speciale durante la scorsa settimana che la squadra della CNN che si occupava delle indagini su Mueller aveva scommesso che Stone avrebbe potuto essere arrestato già venerdì'.

Per sapere come la CNN ha collegato i punti, leggi Qui .

Portando gemito alla festa del Super Bowl

L'avvocato

Le squadre del Super Bowl di quest'anno si sono dirette ad Atlanta nel fine settimana prima della partita di domenica prossima. I New Orleans Saints non erano una di quelle squadre e sembra che nessuno ci sia sopra. I santi erano ... beh, ammettiamolo, sono stati derubati. Dovrebbero essere al Super Bowl, ma sono invece a casa dopo un rigore che avrebbe dovuto essere chiamato che non era nell'NFC Championship Game. Se gli arbitri avessero fatto il loro lavoro in quella commedia, c'era una probabilità del 99% che i Saints avrebbero vinto.

E la gente della Louisiana è ancora amareggiata, come puoi vedere in un editoriale scritto da The Advocate in Louisiana. Inoltre è arrivato con questo teaser che raccontava ai lettori dell'imminente Big Game.

Titoli ICYMI di Poynter:

Su Poynter.org

Prossima formazione:

  • Guida di un giornalista per coprire le carceri. Scadenza: 1 febbraio.
  • Copertura del censimento del 2020. Scadenza: 15 febbraio.

A partire dal PolitiFact.com :

PolitiFact è una proprietà del Poynter Institute.

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Iscriviti Qui .

Seguici su Twitter e così via Facebook .

dovresti avere periodi nel tuo curriculum