In che modo il Washington Post sta usando Genius per spiegare i colpi di scena di un'elezione folle

Tecnologia E Strumenti

(Screenshot Genius.com)

Nel 2015, il presidente Obama ha rotto con una lunga tradizione della Casa Bianca scavalcando la stampa per il suo discorso annuale sullo stato dell'Unione.

Invece di far circolare in anticipo copie non pubblicabili delle sue osservazioni ai giornalisti, come era consuetudine, il campo di Obama li ha pubblicati su Medium per tutti da leggere.



È stato un momento di svolta. I giornalisti del Washington Post, che da anni pubblicava la trascrizione online con molti altri punti vendita di Beltway, si sono resi conto che il gioco stava cambiando. La Casa Bianca adesso era un editore.

Lo staff del Washington Post ha assistito a un'apertura, ha affermato Terri Rupar, l'editore digitale nazionale del Post. Se non avessero intenzione di fare notizia pubblicando il discorso nella sua interezza, potrebbero invece concentrarsi sull'analisi rapida.

'C'è un enorme interesse per la trascrizione sul nostro sito', ha detto Rupar. '... Ma adesso sono tutti editori. Ogni gruppo è un editore e in grado di prendere il controllo delle proprie parole e delle proprie storie. Non hanno più bisogno che lo facciamo. '

Così, quando arrivò l'anno successivo, il Washington Post pubblicò una versione contrassegnata della trascrizione utilizzando Genius Web Annotator. Questa nuova versione includeva informazioni privilegiate, link, commenti e commenti del team politico del Washington Post.

Era solo l'ultima di una serie di annotazioni per il Washington Post, che ha utilizzato Genius per il markup discorsi , interviste e conferenze stampa in quello che è diventato un ciclo elettorale storicamente stravagante. Il prolifico blog politico del Washington Post, The Fix, è stato una fonte di annotazioni negli ultimi mesi, portando un occhio critico e uno spirito a volte arido alle numerose trascrizioni che hanno ha fatto notizia nel 2016 : Donald Trump con il Washington Post ; Donald Trump con il New York Times ; Donald Trump con il Washington Post (di nuovo) .

Gran parte di questo è opera di Chris Cillizza, lo scrittore principale di The Fix, che l'anno scorso ha fatto la previsione (senza tempo) che una nuova innovazione avrebbe salvato il giornalismo. Questa volta, era un'annotazione :

... In un mondo in cui le persone cercano contesto e commenti con le loro notizie e dove i documenti di fonti primarie stanno diventando sempre più la moneta del regno, l'annotazione mi sembra avere un potenziale quasi illimitato come una nuova strada attraverso la quale i giornalisti possono aggiungere valore (e mantenere i loro posti di lavoro!).

Dieci mesi e diverse annotazioni dopo, Cillizza è ancora ottimista sull'annotazione. In effetti, non pensa che la sua previsione originale abbia sovrastimato le cose.

'Non pensavo fosse 'audace'', ha detto Cillizza in una e-mail a Poynter. “Ho pensato - e penso - che fosse giusto. Per me, l'annotazione è solo una delle numerose esperienze avanzate dei lettori verso le quali il giornalismo può e deve muoversi. Non solo 'ecco una trascrizione', ma 'ecco una trascrizione con link pertinenti ad articoli, alcuni commenti di esperti e un po 'di divertimento.' '

fondo speculativo di gestione patrimoniale chatham

Dal suo debutto nel 2009 come sito web dove i lettori potevano annotare testi rap, Genius si è evoluto in qualcosa di molto più grande. Nel 2014 l'azienda ha ampliato la sua competenza a quasi tutti i testi online immaginabili, inclusi musica, notizie, letteratura e storia.

L'annotazione ha avuto un posto di rilievo nella copertura politica del Post negli ultimi mesi. Ad agosto, ad esempio, il Post ha dato una nuova svolta ai dibattiti sul liveblogging collaborando con Genius per annota il primo dibattito GOP in tempo reale . In una stagione elettorale piena di gaffe e dichiarazioni provocatorie, quando alcune delle osservazioni più stravaganti sono state fatte in diretta TV, The Fix ha citato a lungo e verificando i fatti politici nel loro momento più provocatorio.

E ha prodotto risultati incoraggianti per The Post, ha detto Rupar. Il tempo dedicato ai post annotati utilizzando Genius è generalmente da tre a quattro volte migliore di un normale articolo perché le persone si prendono il tempo per fare clic sui commenti e occasionalmente lasciano il proprio, ha detto. Questi post tendono anche ad avere una coda più lunga, con le persone che tornano per aggiungere annotazioni fino a una settimana dopo.

'Non è 'noi lo mettiamo su e tu lo leggi nel momento in cui lo mettiamo su o se ne va'', ha detto Rupar. 'Le persone torneranno e avranno più pensieri e risponderanno agli altri utenti in un modo davvero interessante e incoraggiante.'

L'uso di Genius si è diffuso dal team politico ad altre aree della copertura del Washington Post. Quando Facebook ottimizzato il suo feed di notizie Per dare risalto ai post di amici e parenti sulle testate giornalistiche alla fine di giugno, Caitlin Dewey e Abby Ohlheiser di The Post hanno annotato l'annuncio della società e letto tra le righe aziendali. È stato utilizzato anche sulla scrivania aziendale.

Poiché le istituzioni DC utilizzano Twitter, Facebook, Medium e altre piattaforme online per diffondere le loro notizie, l'annotazione offre al Post la possibilità di fornire analisi ai lettori pur essendo trasparente con il materiale originale, ha affermato Rupar.

'È davvero importante aiutare le persone a capire il processo politico e quello che stanno facendo i loro rappresentanti eletti o nominati', ha detto. “Ma anche permettere alle persone di vedere le parole stesse ha molto potere. Genius ci dà la possibilità di fare entrambe le cose. '