Mike Bloomberg debutta nel dibattito, mentre Bernie Sanders vuole un migliore trattamento dei media, soprattutto da MSNBC

Newsletter

Il tuo rapporto di Wednesday Poynter

Bernie Sanders. (AP Photo / Ted S. Warren)

Ci sono molte trame intriganti da seguire nel dibattito presidenziale democratico di stasera a Las Vegas.

Come andrà il debutto nel dibattito di Mike Bloomberg? Riusciranno Joe Biden ed Elizabeth Warren a riprendersi dalle deludenti prestazioni nelle primarie del New Hampshire? Riusciranno Pete Buttigieg e Amy Klobuchar a mantenere lo slancio del New Hampshire?



Ma ecco qualcosa di più sottile da guardare: come tratteranno i moderatori della NBC con Bernie Sanders?

Perché anche questa è una domanda?

Perché Sanders e il suo gruppo sono convinti che i media non lo trattino in modo equo, in particolare con MSNBC. In una stimolante storia dietro le quinte di Vanity Fair , Tom Kludt riferisce che sia Sanders che il responsabile della campagna di Sanders, Faiz Shakir, si sono incontrati con MSNBC per discutere le loro preoccupazioni sul modo in cui Sanders è stato trattato.

Shakir ha detto che è così grave che crede che Fox News abbia trattato Sanders in modo più equo di MSNBC.

Shakir ha detto a Vanity Fair: 'È stata una lotta cambiare il tono e il tenore della copertura che riceviamo. Sono stati tra gli ultimi a riconoscere che il percorso di Bernie Sanders verso la nomination è reale, e anche quando diventa reale, spesso lo scartano '.

Kludt scrive: 'La tensione in corso tra la rete di notizie via cavo liberale titolare e l'attuale front-runner democratico si è solo intensificata e sembra sintomatica di spaccature generazionali e ideologiche all'interno del partito'.

Sanders si è lamentato di più media oltre a MSNBC. Il Washington Post, il New York Times e altri hanno ricevuto lamentele da Sanders e dai suoi sostenitori. Ma è stata la MSNBC in particolare a sconvolgere Sanders. (La storia di Kludt fornisce diversi esempi specifici.)

Shakir ha detto: “La Fox urla spesso sul socialismo di Bernie Sanders, ma sta ancora dando alla nostra campagna l'opportunità di sostenere il nostro caso in modo equo, a differenza di MSNBC, che ha credibilità con la sinistra e sta costantemente minando la campagna di Bernie Sanders. '

Il dibattito di questa sera sarà moderato da Lester Holt, Chuck Todd e Hallie Jackson della NBC, Vanessa Hauc, corrispondente senior di Noticias Telemundo, e Jon Ralston del Nevada Independent. Mentre guardi stasera, potrebbe valere la pena ricordare che Todd e Jackson appaiono regolarmente su MSNBC. Sanders e la sua gente lo faranno sicuramente.


Mike Bloomberg. (AP Photo / David J. Phillip)

È ufficiale. Mike Bloomberg si è qualificato per il dibattito presidenziale democratico di stasera a Las Vegas. Ma la partecipazione di Bloomberg comporta un rischio, secondo una storia in Politico di Christopher Cadelago e Sally Goldenberg . Scrivono: 'Il lancio della campagna a spese libere di Mike Bloomberg lo ha portato a contendersi la nomination democratica, ma ora deve affrontare una sfida immune alla sua fortuna'.

Quella sfida? Sta perdendo la calma. Politico indica 'l'irritabilità di Bloomberg con le domande che ritiene ingiustificate e le controversie che sente di aver già messo a letto' come motivo di preoccupazione. Politico riferisce che gli altri candidati presidenziali 'cercheranno di scuoterlo attaccando il suo record' e 'la sua stessa squadra teme che una presentazione instabile accanto a candidati esperti possa frenare il suo slancio e ingoiare i suoi guadagni'.

Qualcosa da tenere d'occhio stasera è come accelerare i moderatori del dibattito sul record di Bloomberg e quanto siano specifiche le loro domande, dato che Bloomberg si è appena qualificato martedì. Con lo slancio di Bloomberg negli ultimi tempi, penseresti che i moderatori abbiano già iniziato a scavare nel record di Bloomberg in preparazione per questa sera, ma sarà interessante vedere quanto un nuovo volto sul palco del dibattito sarà al centro dell'attenzione, non solo per gli altri candidati , ma per i moderatori.

È solo febbraio, i Democratici non sono nemmeno vicini alla selezione di un candidato e, già, è stata una delle elezioni presidenziali più strane per approvazione. Il New York Times ha appoggiato due candidati democratici, anche se solo uno, ovviamente, può candidarsi. Anche il Las Vegas Weekly ne ha approvati due, in un editoriale che ha davvero approvato tutti tranne Bernie Sanders. Il Tampa Bay Times ha annunciato che rinvierà la sua raccomandazione democratica per una data successiva.

quello che è stato il primo giornale afroamericano di proprietà e gestito

E ora il file Dallas Morning News ha annunciato che non farà una raccomandazione presidenziale per niente nel 2020. In un editoriale piuttosto lungo, il Morning News ha scritto: “Piuttosto che fare una raccomandazione presidenziale, sosterremo le idee; invece di raccomandare un candidato, offriremo una visione per il paese. Questa visione sarà guidata da principi fondamentali che possono informare gli elettori mentre accertano la posta in gioco nelle elezioni e nelle battaglie politiche future '.

Si potrebbe obiettare che in quest'epoca di Trump, quando la politica è così divisiva, raccomandare un candidato è un modo infallibile per alienare metà dei tuoi lettori. Il Morning News lo ha scoperto quando ha approvato Hillary Clinton su Trump nel 2016, una raccomandazione che non è andata bene per un giornale in uno stato di destra come il Texas.

Tuttavia, il Morning News questa volta scrive: 'La posta in gioco in queste elezioni è più grande degli elettori di Trump o degli elettori che intendono cambiare l'occupante dello Studio Ovale. In realtà è più grande di qualsiasi blocco elettorale sulla scena politica. La posta in gioco nel 2020 è l'arte fondamentale della democrazia '.

Vedremo come andrà a finire, ma la mia scommessa è che il Morning News non sarà l'unico giornale a non raccomandare un candidato alle elezioni del 2020. E questo è un peccato. Il comitato di redazione di un giornale è solitamente esperto di politica presidenziale, più di molti dei suoi lettori che sono alla ricerca di una guida. I lettori non devono essere d'accordo con le raccomandazioni, ma i giornali dovrebbero almeno esporre un caso per un candidato, sostenerlo con i motivi e poi lasciare che sia il pubblico a decidere.

MLive.com - Il più grande sito di notizie locali del Michigan - si sta sbarazzando della sezione dei commenti sotto le sue storie. In una storia per il sito web , John Hiner, il vice presidente dei contenuti per MLive Media Group, ha scritto che il sito non ha preso la decisione alla leggera. Ha elencato una serie di ragioni per cui, ma questa sezione sembra essere il cuore dell'argomento:

'Le conversazioni di solito vanno fuori tema, il tono può diventare incivile o addirittura sgradevole, ei nostri moderatori (e un fornitore assunto dalla nostra azienda) sono impegnati 24 ore su 24 a controllare le conversazioni, a rispondere ai commenti contrassegnati e persino a bandire alcuni utenti . Queste risorse sono meglio utilizzate dal nostro personale per creare più contenuti di notizie, qualcosa che spesso mi dici che apprezzeresti di più sul nostro sito '.

MLive non è diverso da molti siti, dove spesso sembra che ogni storia (indipendentemente dal suo argomento) necessiti solo di pochi commenti da parte dei lettori prima che si trasformi in un'aspra discussione sui tweet di Trump, le e-mail di Hillary, il certificato di nascita di Obama o i suggerimenti R-rated su come qualcuno dovrebbe trascorrere i prossimi 15 minuti. Hiner sottolinea anche che molte delle sezioni dei commenti sono dominate dalle stesse voci e in realtà non rappresentano una buona sezione trasversale dei lettori. A suo parere, Hiner ha affermato che MLive.com riceve circa 10 milioni di visitatori unici al mese, ma solo circa 5.000 partecipano alla sezione dei commenti.

I lettori possono ancora commentare sui social media, come Twitter, o possono semplicemente inviare email ai giornalisti, cosa che Hiner suggerisce porta a conversazioni più civili.

'In poche parole, questa è una delle ragioni principali per cui MLive sta passando dai commenti: così possiamo rallentare, attenuare i toni e avere conversazioni più significative con tutti, non solo con le voci più forti e frequenti.'

Hiner ha fatto un'eccezione alla nuova politica: ha lasciato i commenti sulla storia annunciando la chiusura della sezione dei commenti. Nelle prime sei ore c'erano già quasi 2.500 commenti e una rappresentazione abbastanza buona del motivo per cui MLive.com stava chiudendo i suoi commenti.


Chris Buescher (17) va basso per evitare Ryan Newman (6) in un incidente alla Daytona 500 lunedì. (AP Photo / Terry Renna)

Il mio collega di Poynter Roy Peter Clark, che conosce l'arte della scrittura quanto chiunque altro, spesso controlla le tracce degli scrittori dopo importanti eventi sportivi. Dopo il finale selvaggio della Daytona 500 di lunedì, quando il pilota Ryan Newman ha avuto un incidente raccapricciante che lo ha messo in gravi condizioni, Clark ha trovato questo eccellente vantaggio dalla scrittrice di corse automobilistiche dell'Associated Press Jenna Fryer. Ecco cosa ha scritto:

'Ryan Newman ha attraversato il traguardo, la sua Ford piantata sottosopra e in fiamme, un cupo promemoria di uno sport in pericolo che si è protratto per quasi due decenni senza incidenti mortali'.

Questo non è stato un momento fulmineo per Fryer. È sempre una brava scrittrice di sport.

grafico bias dei media dei caratteri degli annunci

Parlando della Daytona 500 ...

La fine della Daytona 500 di lunedì ha messo Fox Sports in una situazione difficile. Da un lato, Denny Hamlin ha vinto la gara e la rete voleva ammetterlo. D'altra parte, l'incidente di Newman è stato così inquietante che anche Fox Sports ha dovuto ammetterlo.

Ha mostrato brevemente Hamlin nel cerchio del vincitore, ha eseguito solo un paio di replay dello spaventoso incidente e non ha mostrato un primo piano dell'auto di Newman. Ha fornito un aggiornamento ufficiale che Newman è stato rimosso dalla sua auto e trasportato in ambulanza in un ospedale locale. Poi è andato in onda, con sgomento degli spettatori che si sono rivolti a Twitter per esprimere la loro rabbia per il fatto che Fox non stava fornendo più di un aggiornamento.

Ma cosa doveva fare Fox Sports? Non poteva riferire ciò che non sapeva e sarebbe stato irresponsabile anche solo iniziare a speculare. Successivamente si è appreso che Newman è in gravi condizioni con ferite non mortali. Il martedì, la sua squadra corse ha detto Newman era 'sveglio e parlava con la famiglia e i medici'.

Fox Sports merita credito per aver mostrato moderazione, rispetto e gusto per quella che è stata ed è una situazione fluida e seria.

Correzione: questo elemento è stato aggiornato per correggere la trasposizione di un nome. Ci rammarichiamo dell'errore.

Il baseball alla radio: è una delle grandi tradizioni del gioco. Ma i fan degli Oakland A's non ascolteranno i loro giochi alla radio in questa stagione. Si ritiene invece che gli A diventeranno la prima delle principali squadre sportive professionistiche nordamericane a trasmettere la propria radio locale interamente su un servizio di streaming. I loro giochi saranno su qualcosa chiamato A’s Cast, trasmesso in streaming tramite TuneIn.

Questo passaggio è il risultato della rottura del contratto un anno fa tra gli A e il loro partner radiofonico, e poi una rapida interruzione concordata con un'altra stazione. Ma ora, l'idea di un servizio di streaming a tempo pieno potrebbe essere l'onda del futuro.

'Abbiamo cercato i fan lo scorso anno e la risposta ad A’s Cast è stata così positiva', Il presidente di A, Dave Kaval, ha detto a Shayna Rubin al San Jose Mercury News . 'Tutto sta ai podcast e alla capacità di consumare i contenuti in un modo più personalizzato. E molte persone sono più giovani, stiamo vedendo più nuovi fan. Abbiamo ritenuto che quest'anno fosse davvero importante continuare ad amplificare la partnership con TuneIn '.


Sen. Susan Collins, R-Maine. (Foto AP / J. Scott Applewhite)

Hai un feedback o un suggerimento? Inviare un'e-mail a Tom Jones, scrittore di media senior di Poynter, all'indirizzo tjones@poynter.org .

Vuoi ricevere questo briefing nella tua casella di posta? Registrati qui.

Seguici su Twitter e così via Facebook .