La bugia dell'anno 2019 di PolitiFact: l'affermazione di Trump secondo cui l'informatore ha definito l'Ucraina 'quasi completamente sbagliata'

Controllo Dei Fatti

Grafica per gentile concessione di PolitiFact.

Nota del redattore: alla fine di ogni anno, PolitiFact, di proprietà di Poynter, rivede tutti i suoi fact-check e decide sulla bugia dell'anno. 'Menzogna' non è una parola che PolitiFact usa spesso o con leggerezza , ha spiegato il redattore capo Angie Drobnic Holan in una colonna l'anno scorso. La bugia dell'anno 2019 è stata ripubblicata con il permesso ed è apparsa originariamente Qui .

Il presidente Donald Trump ha iniziato la mattina del 20 settembre ignorando i titoli di qualcuno che ha denunciato una telefonata che aveva avuto con il presidente dell'Ucraina. La chiamata, lui twittato , era 'pitch perfect'.



Più tardi quella mattina, Trump e la first lady Melania hanno aperto la Casa Bianca per una giornata di cerimonia con il primo ministro australiano e sua moglie. Prima della loro cena a base di ravioli sunchoke e sogliola di Dover, i quattro si sono seduti nello studio ovale mentre i giornalisti chiedevano a Trump del racconto dell'informatore

'È una storia ridicola. È un informatore di parte ', ha detto Trump, anche se ha aggiunto di non sapere chi fosse e di non aver letto la denuncia.

Dal rilascio del 26 settembre della denuncia del whistleblower sulla sua chiamata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Trump ha insistito più di 80 volte sul fatto che l'account del whistleblower è falso, fraudolento, errato, 'finzione totale', 'inventato' e 'sooo sbagliato.'

Il 5 ottobre he twittato che le 'informazioni di seconda mano 'Whistleblower' hanno quasi completamente sbagliato la mia conversazione telefonica.'

'Tutto ciò che ha scritto in quel rapporto, quasi, era una bugia', ha detto Trump ai giornalisti l'8 novembre.

'L'informatore ha frodato il nostro paese, perché l'informatore ha scritto qualcosa che era totalmente falso', ha detto all'approvazione dei sostenitori in una manifestazione del 10 dicembre a Hershey, Pa.

Nonostante quello che afferma Trump, l'informatore ha risposto 'quasi completamente' correttamente.

des monks register endorsement 2012

RELAZIONATO: 10 cose che Donald Trump ha sbagliato sull'impeachment nel 2019, verificate

Lo sappiamo dallo stesso verbale della chiamata rilasciata dal presidente. Lo sappiamo dalle testimonianze sotto giuramento di diplomatici di carriera e altri funzionari. E il presidente ei suoi alleati hanno detto ai giornalisti che Trump ha fatto ciò che ha suggerito l'informatore - ha esortato il presidente ucraino a indagare sul rivale politico Joe Biden. La loro argomentazione è che non c'era nulla di inappropriato o irragionevole al riguardo. Trump il 3 ottobre ha chiesto alla Cina di guardare anche Biden e suo figlio, Hunter.

Ogni anno, i redattori di PolitiFact esaminano le inesattezze più evidenti dell'anno alla ricerca di una falsa affermazione significativa che possa essere elevata a Lie of the Year.

La distinzione viene assegnata a un'affermazione più che ridicola e sbagliata. La bugia dell'anno - l'unica volta PolitiFact usa la parola 'bugia' - parla di una falsità che si rivela di reale conseguenza e si ripete in una campagna virtuale per minare una narrazione accurata.

L'informatore, che con costernazione di Trump rimane non identificato, ha espresso la preoccupazione che le azioni del presidente che hanno portato a quella telefonata e durante quella telefonata costituiscano un'interferenza nelle prossime elezioni presidenziali. D'accordo o in disaccordo con la conclusione, o se la condotta del presidente giustifica l'impeachment, le azioni descritte nella denuncia resistono al controllo fattuale.

L'affermazione secondo cui l'informatore ha ricevuto la sua telefonata 'quasi completamente sbagliata' è la bugia dell'anno 2019 di PolitiFact.

L'informatore ha presentato l'ormai famosa denuncia il 12 agosto. È lunga nove pagine. La descrizione di una telefonata del 25 luglio tra Trump e Zelenskyj occupa due pagine. Quella sezione è la spina dorsale (sebbene non la totalità) dell'inchiesta di impeachment del presidente.

Trump ha iniziato la telefonata dopo le 9 del mattino dalla residenza della Casa Bianca. Lo scopo della telefonata dei leader, come suggerito dal Consiglio di sicurezza nazionale, era che Trump si congratulasse con Zelensky per il suo partito politico che ha conquistato il controllo del parlamento ucraino.

La telefonata è iniziata con convenevoli ed è durata mezz'ora. L'informatore non stava ascoltando, ma ha citato 'più funzionari della Casa Bianca con conoscenza diretta della chiamata'. La denuncia dice che Trump ha 'fatto pressione' su Zelenskyj a:

  • Indaga su Biden e suo figlio, Hunter Biden
  • Esamina le accuse secondo cui l'interferenza nelle elezioni del 2016, attribuita alla Russia, avrebbe avuto origine dall'Ucraina e da un server democratico
  • Parla con Rudy Giuliani e il procuratore generale William Barr su questi problemi.

Il giorno prima del denuncia del whistleblower era pubblica, la Casa Bianca rilasciato un promemoria sulla conversazione che funge da trascrizione approssimativa della chiamata. Negli 80 giorni successivi, la nazione ha visto Trump ei suoi alleati contestare il significato delle preoccupazioni centrali, anche se tre funzionari che stavano ascoltando hanno confermato ed elaborato ciò che è stato detto nella testimonianza al Congresso.

Questi funzionari sono il tenente colonnello Alexander Vindman del Consiglio di sicurezza nazionale; Jennifer Williams, consigliere per Russia ed Europa del Vicepresidente Mike Pence; e Tim Morrison, che a ottobre ha rassegnato le dimissioni dalla carica di massimo esperto russo del Consiglio di sicurezza nazionale.

Mentre Joe Biden era vicepresidente, suo figlio, Hunter, ha accettato un incarico di amministratore nel consiglio della compagnia energetica ucraina Burisma Holdings.

L'informatore ha detto che Trump voleva che Zelenskyj 'avvii o continuasse un'indagine sulle attività dell'ex vicepresidente Joseph Biden e di suo figlio, Hunter Biden'.

Confermato. Pagina 4 della trascrizione parziale della Casa Bianca cita Trump come dicendo: 'L'altra cosa, si parla molto del figlio di Biden, che Biden ha fermato l'accusa e molte persone vogliono scoprirlo, quindi qualunque cosa tu possa fare con il procuratore generale sarebbe bello. Biden è andato in giro a vantarsi di aver fermato l'accusa, quindi se puoi esaminare la questione ... Mi sembra orribile. '

La lettura è supportata da resoconti di prima mano di funzionari che ascoltano dalla Situation Room. Vindman ha detto ai membri della Camera di essere preoccupato per la richiesta di un governo straniero di esaminare un cittadino statunitense.

'Mi sono reso conto che se l'Ucraina avesse perseguito un'indagine sui Bidens e sul Burisma, sarebbe stata probabilmente interpretata come un gioco di parte, il che avrebbe indubbiamente portato l'Ucraina a perdere il sostegno bipartisan che ha finora mantenuto', Egli ha detto nella sua deposizione davanti al Comitato di Intelligence della Camera il 29 ottobre. 'Tutto ciò minerebbe la sicurezza nazionale degli Stati Uniti'.

Sia Vindman, il massimo esperto in Ucraina del Consiglio di sicurezza, sia Williams hanno detto che i loro appunti mostrano che Zelensky ha sollevato 'Burisma' per nome, anche se non appare nel registro della chiamata.

RELAZIONATO: Controllo dei fatti Joe Biden, Hunter Biden e Ucraina

L'informatore ha affermato che Trump ha esortato Zelensky a 'aiutare a scoprire presumibilmente che le accuse di interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016 hanno avuto origine in Ucraina, con una richiesta specifica che il leader ucraino localizzi e consegni i server utilizzati dal Comitato nazionale democratico (DNC) e esaminato dalla società di sicurezza informatica statunitense Crowdstrike, che inizialmente ha riferito che gli hacker russi erano penetrati nelle reti del DNC nel 2016 '.

Questo è confermato il pagina 3 del record di chiamata della Casa Bianca. Cita Trump che dice: 'Vorrei che ci facessi un favore perché il nostro paese ne ha passate tante e l'Ucraina ne sa molto. Vorrei che scoprissi cosa è successo con l'intera situazione, dicono Crowdstrike ... Immagino che tu abbia una delle tue persone benestanti ... Il server, dicono che l'Ucraina ce l'ha. Sono successe molte cose, l'intera situazione. Penso che ti stia circondando di alcune delle stesse persone. Vorrei che il procuratore generale chiamasse te o la tua gente e vorrei che arrivassi fino in fondo. Come hai visto ieri, tutta quella sciocchezza si è conclusa con una prestazione molto scarsa di un uomo di nome Robert Mueller, una prestazione incompetente, ma dicono che gran parte sia iniziata con l'Ucraina. Qualunque cosa tu possa fare, è molto importante che tu lo faccia, se possibile. '

Lo hanno confermato anche i funzionari che hanno testimoniato.

Per Williams, il riferimento a CrowdStrike era 'degno di nota' perché non ne aveva mai sentito parlare prima.

Per altri era una bandiera rossa. Il presidente stava sollevando una teoria che era stata screditata.

Morrison, l'ex capo di Vindman, testimoniato l'aver sentito Trump menzionare un server gli ha ricordato che il suo predecessore al Consiglio di sicurezza nazionale, Fiona Hill, lo aveva avvertito di stare lontano da coloro che spingevano per le indagini sui Bidens e su un server. Hill in seguito ha testimoniato che le teorie sull'interferenza elettorale dell'Ucraina erano una 'narrativa fittizia che è stata perpetrata e propagata dagli stessi servizi di sicurezza russi'.

RELAZIONATO: Trump ha menzionato la cospirazione 'Crowdstrike' durante la sua chiamata con l'Ucraina. Ecco cosa significa

L'informatore ha detto che Trump ha detto a Zelensky di 'incontrare o parlare con due persone che il presidente ha nominato esplicitamente come suoi inviati personali su queste questioni, Giuliani e il procuratore generale Barr, a cui il presidente si è riferito più volte in tandem'.

la conferenza stampa di Trump ieri sera

Trump ha lasciato cadere i loro nomi più volte, e con particolare approvazione per l'incontro con Giuliani. Questo dalla trascrizione della Casa Bianca: 'Mr. Giuliani è un uomo molto rispettato. Era il sindaco di New York City, un grande sindaco, e vorrei che ti chiamasse. Gli chiederò di chiamarti insieme al procuratore generale. Rudy sa molto bene cosa sta succedendo ed è un ragazzo molto capace. Se potessi parlargli sarebbe fantastico. '

Il resto della denuncia descrive gli eventi che sono avvenuti prima della chiamata e altri che sono seguiti, concludendo con un breve accenno a un'improvvisa sospensione degli aiuti militari all'Ucraina. La presa era 'arrivata direttamente dal presidente' e il personale addetto al bilancio della Casa Bianca non sapeva perché.

Ciò diventerebbe centrale per l'inchiesta sull'impeachment dei Democratici.

Dove la denuncia e il presidente si allontanano è su cosa significano gli eventi. L'informatore scrive: Trump 'sta usando il potere del suo ufficio per sollecitare l'interferenza di un paese straniero nelle elezioni statunitensi del 2020'. Questo è anche il modo in cui i Democratici alla Camera l'hanno inquadrato nel primo articolo di impeachment .

I repubblicani contestano questa interpretazione della chiamata di Trump. Sottolineano che non vi è alcuna menzione esplicita né del 2020 né della campagna di rielezione nella sintesi della Casa Bianca dell'appello Trump-Zelensky. Dicono che l'informatore ha fatto un salto clamoroso nella scelta delle parole (niente di più di 'Trump ha fatto pressioni') che ha modellato in modo ingiusto la copertura mediatica della gestione dell'Ucraina da parte di Trump.

Data la storia della corruzione in Ucraina e il coinvolgimento di Hunter Biden lì, Trump chiederlo era legittimo.

Disse Vindman nella sua deposizione: 'Immagino, guarda, non ci vuole uno scienziato missilistico per vedere dove sarebbe il vantaggio per il presidente nell'indagare sul figlio di un avversario politico'.

Questo mese Trump e i repubblicani hanno ampliato la loro tesi secondo cui il linguaggio del presidente sulla chiamata è stato caratterizzato male.

RELAZIONATO: Guarda le 10 bugie dell'anno precedenti

'Quando ho detto, nella mia telefonata al presidente dell'Ucraina, 'Vorrei che tu facessi un favore agli Stati Uniti, perché il nostro paese ha attraversato molte cose e l'Ucraina ne sa molto.' Con la parola 'noi' io mi riferisco agli Stati Uniti, il nostro Paese ”, Trump twittato 4 dicembre.

Trump non ha smesso di attaccare l'informatore, chiedendo ripetutamente dove si trova la persona e dicendo che vuole scoprire le identità di coloro che hanno parlato con la persona. Trump dice che merita il diritto di interrogare il suo accusatore.

'Non mi dispiacerebbe un processo lungo, perché mi piacerebbe vedere l'informatore, che è un truffatore', ha detto il 13 dicembre di un processo di impeachment al Senato.

Il rappresentante degli Stati Uniti Val Demings, un democratico della Florida nei comitati di Intelligence e Magistratura della Camera, ha messo in dubbio il valore della testimonianza dell'informatore a questo punto.

'È una cosa molto strana che sta succedendo qui in questo momento', ha detto Demings. 'La denuncia dell'informatore è stata confermata più, più volte, più volte.'

Le motivazioni del reclamo sono importanti?

“L'informatore può avere le peggiori motivazioni possibili al mondo. L'informatore può odiare il proprio capo. E la legge non ne tiene veramente conto ', ha affermato Dan Meyer, un avvocato che è stato direttore esecutivo per Intelligence Community Whistleblowing e Source Protection dal 2013 al 2017.

Indipendentemente dalle motivazioni o dal risultato politico, la testimonianza dell'informatore non cambierebbe i fatti alla base di ciò che ha detto Trump. Il resoconto dell'informatore è verificato dalla stessa serie di fatti forniti da Vindman, Williams e Morrison e altri che erano a conoscenza.

E un'altra fonte: Trump.

Katie Sanders è il caporedattore di PolitiFact. Può essere raggiunta a ksanders@poynter.org.