Scientific American, la più antica rivista degli Stati Uniti, raggiunge un'altra pietra miliare mentre l'appetito per le notizie scientifiche aumenta

Affari E Lavoro

Mentre il cambiamento climatico e la pandemia hanno trasformato la credibilità della scienza in una questione politica, una vecchia rivista copre alcuni argomenti scottanti.

(Scientific American)

Mentre il ciclo di notizie della nazione si è concentrato la scorsa settimana sull'uragano Laura, la Convenzione nazionale repubblicana e le proteste per un'altra dolorosa sparatoria da parte della polizia, la più antica rivista del paese continuamente pubblicata ha festeggiato il suo 175 ° compleanno.

Neanche così in silenzio. Il numero speciale per l'anniversario di Scientific American è uscito venerdì. Ha due temi: articoli degni di nota da quella durata di vita molto lunga intrecciati in caratteristiche sulle cose più importanti che abbiamo imparato sulla scienza e su come le abbiamo apprese negli ultimi 175 anni.



È disponibile una versione digitale ma non gratuitamente. Ti costerà $ 6,95.

(Scientific American)

Ho parlato con la direttrice capo Laura Helmuth, che è passata al lavoro dopo aver diretto la copertura scientifica e sanitaria al Washington Post cinque mesi fa. (Mariette DiChristina, direttrice per il decennio precedente, è andata a diventare preside del College of Communications della Boston University).

È un lavoro da sogno, mi ha detto Helmuth, arrivare a 20 anni come giornalista ed editore sul campo, dopo aver conseguito un dottorato di ricerca. in neuroscienze cognitive presso l'Università della California Berkeley. “Amo questa rivista. Esiste da sempre ... e voglio renderlo ancora più influente. '

Il background educativo di Helmuth e persino lo stesso Scientific American possono sembrare scoraggianti per lettori altrimenti intelligenti che hanno lottato con la fisica delle scuole superiori. Ma non proprio. La missione della rivista, oltre a produrre giornalismo intelligente su una vasta gamma di argomenti scientifici, è rendere tutto ciò comprensibile ai non specialisti.

Circa la metà degli articoli sono scritti da praticanti piuttosto che da giornalisti. Quindi aiutare quegli scienziati a scrivere chiaramente è una buona parte del lavoro. (Helmuth ha detto che il suo dottorato in scienze è raramente entrato in gioco nella redazione e nella redazione, ad eccezione della 'competenza culturale' quando parla con i professionisti.)

Parte dello scopo di Scientific American è educativo, mi ha detto Helmuth, 'aumentare la curiosità e l'interesse delle persone, per sviluppare capacità'. Leggetene alcuni, la speranza è, e vorrete saperne di più.

In questo momento è un momento di insegnamento, come va il cliché, mentre i laici lottano con l'enigma della diffusione della comunità o ora possono per la prima volta ottenere la distinzione tra un virus e un'infezione batterica.

Ho visitato la formula Scientific American cinque anni fa in un articolo in occasione del 170 ° anniversario della rivista e in un numero speciale sul collaboratore di una volta Albert Einstein.

Mi chiedevo se il suo sito digitale si fosse sviluppato in un supplemento quotidiano sulle notizie come Atlantic.com o NewYorker.com.

La risposta è si. Quando l'ho controllato giovedì, le tre storie principali erano uno sguardo a come la tempesta è stata alterata dai cambiamenti climatici, una storia sulla crisi nel trattamento del COVID-19 in India e un'altra che chiedeva se le sequoie possono sopravvivere agli incendi della California.

Il sito ha anche trovato spazio per una caratteristica tipica di Scientific American su qualcosa di non ovvio ma che vale la pena conoscere. Un articolo intitolato 'L'educazione medica ha bisogno di ripensare' ha osservato che l'attuale sistema di ammissioni altamente selettive e un lungo e costoso percorso per ottenere la licenza medica risale all'influente rapporto Flexner, pubblicato nel 1910.

Il mix nel numero dell'anniversario è altrettanto vario. Un pezzo considera se cento anni di successi di farmaci e vaccini abbiano prodotto l'autocompiacimento riguardo al controllo delle malattie infettive.

Chuck Norris vivo o morto

Tra le offerte di maggior successo c'era un racconto del redattore Scientific American del XIX secolo che progettò e costruì una demo di una metropolitana aerea, solo per farla affondare per motivi politici dal Boss Tweed di New York City.

Helmuth ha detto che oltre a lavorare per pubblicazioni quali Science, Smithsonian e National Geographic, ha provato vari tipi di giornalismo scientifico. Un periodo alla Slate è stato principalmente dedicato a pezzi d'opinione. Ciò si sta dimostrando particolarmente rilevante nel 2020 poiché la credibilità della scienza sta precipitando in primo piano come questione politica.

Aggiungi il cambiamento climatico e la pandemia e la scienza è diventata un argomento caldo, ha detto Helmuth. Testimone un elenco crescente di concorrenti così forti: le notizie scientifiche di lunga data e i relativi nuovi arrivati ​​come il Boston Globe's Stat, InsideClimate News e il digitale Undark dal Massachusetts Institute of Technology.

Helmuth ha identificato tre priorità editoriali immediate:

  • Andare oltre la copertura pandemica di primo ordine per considerare i problemi di salute pubblica più in generale. La collaborazione internazionale sarà fondamentale in futuro poiché il virus e la sua diffusione quindi ovviamente non rispettano i confini.
  • Anche prima di George Floyd e Black Lives Matter, 'sapevamo di dover migliorare la diversità e l'inclusione', ha detto Helmuth, indicando sia uno staff più diversificato che più contenuti specifici per le minoranze. Anche questo sarà fondamentale, ha aggiunto Helmuth, per coinvolgere un pubblico più giovane.
  • Infine, 'la disinformazione e la scienza della disinformazione' compariranno sempre più spesso nella rivista e nel suo sito.

Per quanto riguarda una visione quinquennale per Scientific American, Helmuth ha detto che richiederà più tempo dei cinque mesi. 'È un modello molto stabile', ha detto, e così ben consolidato che i freelance di alto livello non sono difficili da trovare.

La stabilità si estende al business. La rivista è stata redditizia e lo sarà nel 2020, ha detto, anche se lei e un portavoce hanno rifiutato di fornire informazioni finanziarie più dettagliate. Continua a pubblicare in stampa ogni mese in un momento in cui molte altre riviste hanno ridotto la frequenza.

Ovviamente, ha detto Helmuth, Scientific American ha perso la pubblicità sulla stampa quest'anno, proprio come ogni altra rivista o quotidiano.

Allo stesso modo, le vendite in edicola, in numero esiguo ma altamente redditizie rispetto agli abbonamenti scontati, sono crollate. I giorni in cui si compravano una mezza dozzina di riviste in aeroporto per un volo da costa a costa o transcontinentale erano già in declino nell'era digitale. Ora il viaggio aereo è quasi morto.

La diffusione si mantiene ragionevolmente stabile a 300.000 - 240.000 stampe più il digitale, altre 22.000 solo digitali e il saldo di altre categorie.

Scientific American è stato pubblicato da Springer Nature dal 2015. Quindi non deve affrontare riduzioni di spese eccessive come, ad esempio, il gruppo Condé Nast. Né sembrerebbe in alcun pericolo di essere parte di una svendita a singoli acquirenti come è successo a Time e ai suoi titoli gemelli, Fortune, Entertainment Weekly e Sports Illustrated.

Sicuramente le cose in questi tempi turbolenti dei media sono una rarità. Tuttavia, predirò avventatamente che il vecchio Scientific American è una buona scommessa per raggiungere il suo 180 ° o addirittura 185 ° compleanno.

Rick Edmonds è l'analista aziendale dei media di Poynter. Può essere contattato a redmonds@poynter.org.

Correzione: Scientific American è pubblicato da Springer Nature, non da Axel Springer.