Ha partorito da sola in ospedale. Sei giorni dopo, era di nuovo a gestire una redazione di fronte alla pandemia.

Affari E Lavoro

Da The Cohort, la newsletter di Poynter per le donne che prendono a calci in culo nei media digitali

Come molti dirigenti delle notizie, Cristi Hegranes ha dovuto supervisionare i licenziamenti durante la pandemia. A differenza di molti leader, ha anche partorito durante la pandemia. (Sara O'Brien)

Di seguito è riportato un Q&A con Cristi Hegranes, fondatore, editore e CEO di Global Press. È stato modificato per maggiore lunghezza e chiarezza ed è apparso per la prima volta nella newsletter di Poynter's Cohort. Iscriviti a The Cohort per entrare a far parte di una comunità di donne nei media portando avanti la conversazione sui luoghi di lavoro.

tabella dei prezzi del legname di deposito domestico

Mel Grau: Per qualcuno che non ha familiarità con la Global Press, quali pensi siano le tre cose più interessanti al riguardo?



Cristi Hegranes : Global Press sta reinventando il giornalismo internazionale. Formiamo e impieghiamo giornaliste donne nelle parti meno coperte del mondo per produrre storie locali di rilevanza globale con dignità e precisione. Le mie tre cose preferite dell'organizzazione sono:

  1. Assumo le donne più coraggiose e audaci del pianeta! Insieme, abbiamo creato il file Guida allo stile della stampa globale , che si discosta dallo stile AP in modi importanti. Stabilisce un nuovo standard per un linguaggio dignitoso e preciso nel giornalismo globale.
  2. È difficile essere un reporter locale in posti come il Messico meridionale e la Repubblica Democratica del Congo. Quindi, abbiamo sviluppato un leader del settore Dovere di diligenza programma che garantisce la sicurezza fisica, emotiva, digitale e legale di ogni giornalista nella nostra rete.
  3. Giornale della stampa globale , la premiata pubblicazione di Global Press, serve un pubblico davvero unico. Le nostre storie sono disponibili nelle lingue locali dei giornalisti e in inglese.

Mel: Hai fondato Global Press 14 anni fa quando avevi 25 anni. È un po 'come il tuo primo figlio. A marzo hai dato alla luce un dolce bambino. Raccontaci di avere un bambino durante questo periodo, essendo anche CEO ed editore di un'organizzazione di notizie globale senza scopo di lucro.

cristallo : Sì! Global Press è nata il 6 marzo 2006. Henry Wynn Cayo Hegranes è nato il 24 marzo 2020. Negli ultimi 14 anni, Global Press è stata tutta la mia vita. Ho creato con cura il momento giusto esatto per avere un bambino, e solo per mia fortuna, ho partorito nel bel mezzo di una pandemia. A metà marzo, la comprensione del COVID-19 era ancora nell'aria e le politiche ospedaliere stavano cambiando. Ho finito per partorire da sola in ospedale perché nella stanza era ammessa una sola persona di sostegno. Il mio migliore amico aveva viaggiato troppo di recente per unirsi a me e la mia doula si è ammalata. È stata una tempesta perfetta. È stato spaventoso, di sicuro. Ma penso che mi abbia dato la forza mentale per sopportare queste prossime settimane (o mesi) a casa da solo con un neonato.

Mel: Come mamma di un neonato, in che modo le cose differiscono da ciò che ti aspettavi prima della pandemia?

cristallo : Sono una mamma single, quindi avere tutto pianificato per la mia maternità sembrava essenziale. Ogni settimana avevo strutturato, pianificato, prenotato. E, naturalmente, assolutamente niente di tutto ciò è stato realizzato. La mia famiglia non è stata in grado di farmi visita. La cura dei bambini che ho organizzato è evaporata. Ma mentre le circostanze esterne erano selvaggiamente inaspettate, scommetto che le mie prime settimane da mamma non erano troppo diverse da ciò che sperimenta la maggior parte delle neomamme. Ho imparato che quasi tutto può essere realizzato con una mano sola. Ho imparato cosa si prova a non dormire e ad adorare ancora la piccola persona che ti impedisce di dormire. Ho imparato a vomitare senza fretta.

E sto imparando a trovare gratitudine in questo momento folle. Sono grato di aver avuto questa volta uno contro uno con Henry, che sembra essere il bambino più carino, dolce e dolce che abbia mai incontrato. È un campione dormiente (grazie a dio!) E un sorriso facile (svenimento). Sembra sapere che il mondo è in un momento teso e difficile. Mi piace pensare che stia prendendo tutto in modo da poter diventare una forza per il cambiamento più avanti nella sua vita.

Dopo 10 settimane, quello che posso dire con certezza è che la mamma non è uno scherzo. In realtà penso di essere fortunato ad avere un nuovo bambino che dorme tutto il tempo. Tutte le mamme di tutto il mondo, specialmente le mamme del giorno, che fanno il loro lavoro e insegnano orari e fanno progetti scientifici sono eroi delirante.

Henry, il buon dormiente e membro onorario del consiglio. (Cortesia Cristi Hegranes / Instagram)

Mel: Avevi programmato di prendere mesi di congedo di maternità, ma hai ricominciato a lavorare dopo pochi giorni. Perché?

cristallo : Mentre ero incinta, ero così irritata dalle persone che commentavano costantemente i miei piani di congedo di maternità. Ho sentito una raffica infinita di cose come 'È meglio che tu prenda tutto' e 'È meglio che non ti senti'. L'implicazione sembrava essere che sarei stata una cattiva mamma se fossi tornata al lavoro troppo presto. O che non saprei come amare mio figlio perché amo così tanto Global Press; che un work-a-holic non può essere anche un mom-a-holic. Ho ripetutamente detto che avrei fatto ciò che mi sembrava giusto. Ed è quello che ho fatto.

In troppe testate giornalistiche sono state create politiche per tollerare le donne, il che non consente loro di essere le migliori giornaliste che possono essere. Sono orgoglioso del fatto che offriamo lo stesso congedo retribuito a tutti i dipendenti di Global Press, che si trovino a Washington o nella Repubblica Democratica del Congo. Nel corso degli anni, ho visto decine di donne partire per il congedo di maternità e tutti alla Global Press erano pronti a garantire che avessi la stessa opportunità.

Ma siamo una piccola squadra qui a Washington e ci sono alcune cose che solo io sono pronto a fare. L'interfacciamento con donatori e investitori è una di quelle cose. Quindi, quando è diventato chiaro che ci sarebbe stato un impatto finanziario associato alla pandemia, ho capito che dovevo mettermi al lavoro. Ho iniziato a programmare alcune telefonate al giorno. Avrei legato Henry al suo seggiolino e guidavo in tondo nel nostro quartiere, sperando che rimanesse addormentato, mentre parlavo con una miriade di stakeholder della Global Press.

So che era la cosa giusta da fare. Ci sono ancora molte persone che mi coprono in molti modi. Ma questo è un momento in cui tutti dobbiamo fare la nostra parte.


CORRELATI: Sei donne. Due anni. Una migliore politica per il congedo familiare.


Mel: Com'è per te una tipica giornata lavorativa adesso?

cristallo : Beh, per la prima volta in 14 anni ho un nuovo capo molto esigente. È un pignolo per le scadenze. (Il latte deve essere consegnato ogni 120-180 minuti o altro!) Le mattine sono strane e selvagge. Ma verso le 13:00 abbiamo una piccola routine in via di sviluppo. Fa sonnellini più lunghi, io ricevo più chiamate. Lo stiamo cercando di capire. La mia massima priorità di lavoro è continuare a interfacciarmi con gli stakeholder di Global Press e raccogliere fondi durante questo periodo incerto.

Tuttavia, non esistono due giorni uguali. Sono estremamente fortunato a lavorare in una testata giornalistica che celebra la maternità. Henry fa la sua giusta quota di apparizioni nelle chiamate Zoom e le persone sono molto generose quando strilla in sottofondo o quando devo riprogrammare all'ultimo minuto o lasciare rapidamente.

Mel: Dimmi di più sul Duty of Care.

cristallo : Nel nostro settore, c'è una profonda mancanza di parità di sicurezza tra corrispondenti esteri e giornalisti locali. Spesso usati come fixer o traduttori, i giornalisti locali raramente ricevono le stesse protezioni. Eppure sono loro che rendono possibile così tanto dello storytelling internazionale. Per loro, l'estrazione non è mai un'opzione. Quindi, abbiamo progettato un programma di sicurezza e protezione olistico in quattro parti per garantire la loro sicurezza fisica, emotiva, digitale e legale: lo chiamiamo Duty of Care.

Il dovere di cura viene implementato in tre modi distinti: formazione di persona, politiche e procedure quotidiane e risposta alle crisi.

Global Press impiega reporter donne locali in paesi di tutto il mondo tra cui Sri Lanka, Nepal, Mongolia, Haiti, Messico, Zimbabwe, Zambia e Uganda. (Global Press / Sara O'Brien)

Durante la formazione, i giornalisti imparano cose come la consapevolezza della situazione, il primo soccorso, il rilevamento della sorveglianza, ecc. Ma quando si tratta di sicurezza, le testate giornalistiche devono fare di più che offrire solo pochi corsi di formazione. L'istruzione deve essere supportata da un solido sistema di politiche e protocolli relativi alla sicurezza progettati per garantire che la sicurezza dei giornalisti abbia la priorità in ogni fase del processo editoriale.

Uno degli aspetti più interessanti del supporto continuo che forniamo al nostro team di giornaliste è la consulenza sul benessere a lungo termine. Sappiamo che i giornalisti sperimentano traumi legati al lavoro a ritmi straordinari. Tuttavia, le conversazioni sulla salute mentale rimangono un tabù in molte redazioni e le risorse per la salute mentale rimangono in gran parte fuori dalla portata delle persone nei mercati dei media in cui lavoriamo. Quindi, abbiamo reclutato una rete globale di consulenti che parlano le lingue di tutti i membri del nostro team. Offrono sessioni illimitate, gratuite e riservate per i giornalisti. Da quando la rete di consulenti del benessere è stata lanciata nel 2018, oltre il 60% del nostro team globale ha utilizzato il servizio.

Mel: In che modo dare priorità all'istruzione e alla sicurezza ti ha preparato per il successo durante questa crisi?

cristallo : Non è mai successo prima che tutti i giornalisti al mondo adottino protocolli di check-in Duty of Care rafforzati, tanto meno per lo stesso motivo. Ma siamo stati in grado di rispondere rapidamente perché i nostri giornalisti erano già addestrati su questi protocolli. La cultura del check-in era già consolidata e siamo stati in grado di stabilire rapidamente norme di sicurezza che consentissero alla maggior parte del nostro team di riprendere immediatamente la segnalazione. Sono stati in grado di fare una copertura straordinaria sul coronavirus negli ultimi mesi, esplorando l'impatto unico che la pandemia sta avendo su luoghi come la Repubblica Democratica del Congo, che è appena diventata libera dall'Ebola, o su popolazioni di persone, come le prostitute in Uganda.

In definitiva, penso che sia la cultura del dovere di cura che ci consente di produrre storie così fantastiche da così tanti luoghi diversi. Perché in sostanza, Duty of Care afferma che ci preoccupiamo per i nostri giornalisti come persone, non come macchine di contenuto. In tutto il mondo, ci fidiamo l'uno dell'altro.

Mel: Anche nei momenti migliori, la leadership esecutiva può essere solitaria. Quindi può essere una nuova mamma. Come stai affrontando entrambi i ruoli? Quale supporto aiuta?

cristallo : Questo è un momento difficile per tutti i dirigenti delle notizie, credo. Ed è un momento difficile per le neomamme - e per tutte le mamme! Come mamma, ho molto supporto virtuale perché sono rimasta per lo più isolata da quando è nato Henry. Non importa quello che faccio, mi sento come se fossi paranoico o avventato. Non riesco a trovare una via di mezzo. Immagino che molte persone si sentano in questo modo. Riceviamo molti FaceTime e le persone sono state così generose, inviandoci cibo e regali. Uno dei miei cari amici gestisce la società di gioielli Article 22, che produce splendidi gioielli con bombe riciclate. Mi ha mandato uno dei loro braccialetti da avvolgere con la risoluzione che dice: 'il coraggio assume molte forme'. È un ottimo promemoria di come le persone in tutto il mondo stanno vivendo coraggiosamente in questo momento.


CORRELATO: Come Emily Ramshaw intende costruire la redazione più rappresentativa in America


Mel: Qual è qualcosa che vorresti che le altre donne sapessero della tua esperienza durante la pandemia?

cristallo : Soprattutto, penso che questo momento mi abbia reso ancora più impegnato a garantire che Global Press continui ad essere un'organizzazione di notizie che si sforza di essere un datore di lavoro eccezionale per le donne. I nostri giornalisti in tutto il mondo sono giornalisti a tempo pieno, mamme, zie e sorelle, che vivono tutti in circostanze difficili e svolgono un lavoro impegnativo. Avere un datore di lavoro che dice che va bene essere tutto ciò di cui hai bisogno in un giorno è importante. Avere successo e essere sani di mente in questo momento difficile significa essere in grado di avere la libertà di decidere chi devi essere in ogni momento.

qual è il sogno americano adesso

In alcuni momenti, devo essere un CEO per raccogliere fondi e supportare un team di giornalisti globali. In altri, devo cantare canzoni sciocche e saltellare su e giù per il corridoio per far addormentare questo bambino. Entrambi sono importanti.


Per ulteriori approfondimenti, comunità e conversazioni in corso sulle donne nei media digitali, iscriviti per ricevere The Cohort nella tua casella di posta ogni martedì.