Alcune notizie personali: abbiamo una nuova serie sui licenziamenti e sulle persone che hanno lasciato notizie durante la pandemia

Affari E Lavoro

Raccontaci la tua storia

Immagine tramite Adobe Stock

Tre parole - 'Alcune notizie personali' - potrebbero rallentare lo scorrimento su Twitter. Qualcuno lascia il lavoro. Qualcuno sta iniziando un nuovo lavoro. Qualcuno è stato licenziato. L'abbiamo visto spesso l'anno scorso.

Non abbiamo numeri solidi per le persone che hanno lasciato la notizia, volontariamente o involontariamente, durante la pandemia. E i licenziamenti dei media non sono una novità. Ma permessi, chiusure, licenziamenti e partenze durante la pandemia hanno colpito quasi ogni mezzo ovunque.



Noi può raccontare storie sulle persone il cui lavoro è cambiato a causa del coronavirus.

I miei colleghi, Angela Fu e Amaris Castillo, e io lo stiamo facendo a partire da questa settimana con una serie regolare che chiamiamo 'Alcune notizie personali'. Vogliamo raccontare le storie di giornalisti, dipendenti della tipografia, addetti alle vendite di annunci, ricercatori di notizie e chiunque altro il cui impiego presso le redazioni sia terminato a causa della pandemia.

Puoi raccontarci la tua storia Qui .

Il nostro obiettivo è catturare quanti più tipi di storie possiamo con ogni puntata. Ma non siamo la prima o l'unica squadra a fare questo lavoro. Le storie dei giornalisti che hanno lasciato il mondo dell'informazione riempiono il Gruppo Facebook privato 'Qual è il tuo piano B?' che ora conta più di 16.000 membri. Apri la serie di notizie 'Esci dalle interviste' condivide 'le osservazioni dei nerd delle notizie che hanno recentemente lasciato il campo e lo amano ancora'. Ex giornalisti siamo persino trovare lavoro per aiutare altri ex giornalisti a trovare un nuovo lavoro .

Ecco cosa abbiamo sentito finora dalle 31 persone che hanno condiviso le loro storie: 21 persone sono state licenziate. Nove persone hanno lasciato il lavoro a causa del burnout e dei licenziamenti imminenti. Otto persone stanno ancora cercando lavoro.

Il titolo della nostra serie, 'alcune notizie personali', è un cenno alla tradizione di twittare le mosse di lavoro, ma è anche un tentativo di catturare come la pandemia abbia ferito il giornalismo e le persone che la creano e la supportano raccontando le loro storie. Iniziamo con una giornalista che è stata licenziata e ha aperto il suo sito, un'altra che ha iniziato un nuovo lavoro e se n'è andata dopo essersi sentita isolata e sola, e una terza che ha contribuito a lanciare una startup, è stata licenziata e sta ancora valutando la sua prossima mossa.

Puoi raccontarci la tua storia Qui .

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 13 aprile 2021.