Questa redazione del Texas ha un nuovo giornalista di affari indigeni che non ha mai pianificato di lavorare per i notiziari tradizionali

A Livello Locale

Il Texas Observer fa un lavoro senza paura, ha detto Pauly Denetclaw, che ha iniziato a settembre

Pauly Denetclaw si occupa degli affari indigeni per il Texas Observer. È raffigurata qui nelle foto di Nate Lemuel, a sinistra, e Zachariah Ben, a destra.

A 10 anni, Pauly Denetclaw ha trovato un articolo su Time Magazine che avrebbe tenuto e letto ancora e ancora per anni. Riguardava le ragazze che attraversavano la pubertà in giovane età, il che era.

Nella sua casa di Gallup, nel New Mexico, i suoi genitori compravano e portavano sempre a casa una copia del giornale. Ma Denetclaw non ha visto il giornalismo come un'opzione fino all'età di 14 o 15 anni e ha scoperto le 'Gilmore Girls'.



'Credo davvero che' Una mamma per amica 'abbia creato un'intera generazione di giornaliste donne', ha detto.

metà asiatica mezza ragazza nera

Era la prima volta che vedeva donne che lavoravano come giornaliste e la prima volta che vedeva una vera donna che era una giornalista grazie all'apparizione come ospite di Christiane Amanpour.

Ora, la carriera di giornalista di Denetclaw è dedicata a garantire che gli indigeni siano visti e ascoltati. Per anni è stato attraverso i media che hanno servito le comunità native.

'Quando sono entrato nel giornalismo, sono entrato con l'intenzione di riferire sulle comunità indigene perché penso che ci siano così tante narrazioni razziste che sono pervasive attraverso i media non nativi', ha detto Denetclaw, che è un cittadino della nazione Navajo.

Ma a settembre, ha adottato questo approccio per The Texas Observer, dove è la prima giornalista sulla sua nuova scrivania per gli affari indigeni.

“Le comunità e le storie indigene rappresentano le più svantaggiate dai giornalisti in Texas. In effetti, negli ultimi 50 anni, le uniche storie che le principali redazioni del Texas si sono prese la briga di esaminare ruotano principalmente attorno ai casinò e ai powwows. Non è stato fatto quasi alcun rapporto sull'impatto del COVID-19, sui rapporti con le forze dell'ordine, sugli impatti dei cambiamenti climatici, sull'accesso al voto, sui sistemi sanitari, sulla politica, sull'arte, sul sesso o sui diritti dei trattati per citarne alcuni ', ha scritto l'editore Mike Kanin in un comunicato stampa sulla notizia. 'Per qualsiasi motivo, le testate giornalistiche in Texas non riferiscono sulle comunità indigene. Il Texas Observer vuole essere diverso '.

Denetclaw ha lavorato in precedenza per il Navajo Times. I suoi editori sono sempre stati indigeni e gente di colore. E tutti hanno sostenuto il tipo di reportage che lei voleva fare - incorporati nell'antirazzismo e nell'indigeneità.

Non aveva intenzione di lavorare per un media non nativo, ha detto, finché non ha saputo del lavoro presso The Texas Observer e ha visto che avevano assunto un editore Tristan Ahtone , che è un membro della tribù Kiowa.

cosa dice donald trump sulla sicurezza sociale

A settembre, l'Observer ha pubblicato 'The Anti-Indigenous Handbook', che 'rivela alcuni degli attacchi più comuni che le comunità indigene devono affrontare oggi'.

The Observer fa rapporti investigativi senza paura, ha detto Denetclaw, ed era pronta a passare dalle ultime notizie a rapporti più lunghi con loro. Ha già iniziato, con un progetto indagando sulla morte di due soldati Navajo a Fort Hood . Quel pezzo è stato pubblicato online questa settimana.

Denetclaw pensa che portare il suo lavoro a un pubblico più vasto offra loro l'opportunità di conoscere le questioni che contano nel Paese indiano e oltre.

C'è un'opportunità anche per i giornalisti non nativi, per assicurarsi che le voci dei nativi americani nelle loro comunità siano ascoltate tutto l'anno e non solo al Ringraziamento e alla Giornata dei popoli indigeni, ha detto.

'Penso che siamo così dimenticati che perpetua questa narrativa che i nativi non esistono più.'

Puoi vedere quanto sia sbagliata questa narrazione seguendo alcuni altri giornalisti raccomandati da Denetclaw, tra cui Shondiin Silversmith presso la Repubblica dell'Arizona , Nick Martin presso The New Republic e Graham Lee Brewer presso High Country News . Navajo Times e Paese indiano oggi anche fare un lavoro straordinario, ha detto, su base giornaliera.

Ernest Hemingway Pulitzer Prize 1953

Denetclaw consiglia inoltre di rivolgersi a risorse dalla Native American Journalists Association, che fornisce istruzioni su come coprire la Violence Against Women’s Act, l'Indian Child Welfare Act e la terminologia consigliata. C'è anche una carta BINGO che, se contrassegnato, 'può segnalare una narrazione cliché'.

'Se ottieni un BINGO', ha detto Denetclaw, 'devi riscrivere il tuo articolo'.

Immagine tramite NAJA

Questo pezzo è apparso originariamente su Local Edition, la nostra newsletter dedicata alle storie dei giornalisti locali. Kristen Hare copre gli affari e le persone delle notizie locali per Poynter.org ed è l'editore di Locally. Puoi iscriverti alla sua newsletter settimanale Qui . Kristen può essere raggiunta a khare@poynter.org o su Twitter all'indirizzo @kristenhare.