Il Times-Picayune è stato assorbito ieri a New Orleans dall'avvocato. Ecco cosa è successo al suo staff.

Affari E Lavoro

Meno di un terzo degli ex dipendenti del Times-Picayune risiede nel giornalismo di New Orleans

In questa foto del file di giovedì 27 settembre 2012, copie introduttive gratuite della nuova edizione di New Orleans dell'Avvocato di Baton Rouge, a destra, sono viste accanto alle copie del New Orleans Times-Picayune al Lakeside News nel sobborgo di Metairie di New Orleans, La. I proprietari del quotidiano The Advocate della Louisiana hanno acquistato The Times-Picayune a New Orleans da Advance Local Media e, domenica, hanno unito le due pubblicazioni. (AP Photo / Gerald Herbert)

Due mesi fa, è stato detto a 161 dipendenti del Times-Picayune di New Orleans, noto anche come NOLA.com sono stati licenziati .

Dei circa 65 giornalisti che hanno perso il lavoro, 19 rimarranno come giornalisti a New Orleans, e 10 di loro si trasferiranno a The Advocate, secondo la nostra ricerca. Quattordici stanno partendo per fare giornalismo altrove.



'Mi sarebbe piaciuto poter restare qui, ma so che un giorno scriverò di nuovo su New Orleans', ha detto la collega di vita e cultura Laura Testino, che sta partendo per un lavoro di giornalista fuori dallo stato. 'La cultura qui è davvero ricca e mi sento fortunata ogni volta che ne scrivo.'

L'avvocato di Baton Rouge acquistato il giornale e la sua presenza online a maggio, unendoli al New Orleans Advocate Times-Picayune. L'avvocato ha anche assorbito il settimanale alternativo The Gambit lo scorso anno, lasciando poche opzioni di stampa per i giornalisti del Times-Picayune in cerca di un lavoro locale.

Sei membri dello staff stanno abbandonando il giornalismo per restare a New Orleans, e tre di loro si dedicano alle pubbliche relazioni.

'Sono originario di New Orleans e ho intenzione di restare qui', ha detto il giornalista Robert Rhoden. '(Ma) dopo 40 anni al TP, sto abbandonando l'attività dei giornali. È ora di cambiare. '

Nelle interviste condotte nell'ultima settimana, più della metà - 36 dipendenti - ha affermato di rimanere definitivamente nel giornalismo, sebbene 19 stessero ancora cercando lavoro. (Sette membri dello staff non hanno risposto alle richieste di commento.)

Peter Kovacs, redattore dell'Avvocato, ha detto che circa la metà dello staff del giornale rivale non era interessato alle offerte dell'Avvocato o non ha chiesto affatto un'intervista. Quasi nessuno ha accettato di accettare un lavoro che copre un ritmo diverso.

'Un sacco di persone di talento hanno perso il lavoro, alcuni dei quali avremmo voluto avere', ha detto Kovacs. Ha detto che il giornale è ancora in trattative con alcuni membri dello staff e potrebbe assumerne altri.

sezione della metropolitana di new york times

Tim Morris, un editorialista del Times-Picayune, ha scritto in un post su Facebook che l'avvocato aveva offerto una retribuzione più bassa e più posti di lavoro per principianti.

'Posso solo dire che non ho considerato seria' l'offerta 'che mi è stata fatta', ha scritto Morris al proprietario dell'avvocato John Georges, che ha commentato il suo post. 'Non ho mai posseduto né gestito un'attività, ma penso che questo potrebbe spiegare perché hai ricevuto più rifiuti di quanto ti aspettassi.'

L'editorialista Jarvis DeBerry ha detto di aver rifiutato l'offerta dell'avvocato per diversi motivi, inclusi i dubbi sul contenuto della loro opinione, il modello di business, il grado di retribuzione e il fatto che lo siano di proprietà di un politico . (Georges si è candidato senza successo alla carica di governatore nel 2007 e sindaco di New Orleans nel 2010. Ha fatto parte del Consiglio dei reggenti della Louisiana ed è un commissario della New Orleans Public Belt Railroad.) Ha anche affermato di sentire un senso di 'trionfalismo' che 'Ha sfregato molte persone nel modo sbagliato.'

'Sembravano pensare che saremmo stati tutti alla disperata ricerca di un lavoro', ha detto DeBerry. 'Non sembrava ci fosse un sano rispetto per le persone che, come ho detto, stavano solo lavorando sodo.'

Soprattutto, ha detto, si sentiva irrequieto e pensava di lasciare New Orleans anche prima della fusione di maggio.

'Stare nello stesso posto per 22 anni mi è sembrato un momento naturale per pensare al futuro ea quello che sarebbe stato il prossimo', ha detto. 'Onestamente, sono personalmente investito nelle persone sapendo che dovunque andassi era una mia scelta di andare.'

Diversi membri dello staff del Times-Picayune hanno rifiutato di commentare, citando una clausola di non disprezzo.

Alla fine, l'avvocato ha assunto 10 giornalisti, tre dei quali hanno stipendi pagati da sovvenzioni, ha detto Kovacs. Ha detto che hanno anche assunto una dozzina di membri dello staff dal lato non editoriale.

Altri membri dello staff stanno lasciando Crescent City per il Wall Street Journal, il Seattle Times, il Tampa Bay Times, la St. Louis Public Radio e altri punti vendita in tutto il paese.

Alcuni dei giornalisti che sono rimasti hanno trovato un nuovo lavoro in punti vendita nazionali o radiotelevisivi, come la rete USA Today e il locale WVUE Fox 8. Diversi giornalisti hanno affermato di essere rimasti a New Orleans ma non hanno potuto annunciare pubblicamente i loro nuovi ruoli.

La food editor Ann Maloney, che si trasferisce a The Advocate, ha detto di essere rimasta delusa nel vedere così tanti colleghi lasciare la città, ma gratificata nel vederli trovare un buon lavoro. Ha detto che attribuisce agli esperimenti digitali del Times-Picayune la preparazione del suo personale per le transizioni ai supporti non cartacei.

'Guardo indietro con molto orgoglio', ha detto. “Era qualcosa di cui far parte. È stato davvero un grande esperimento. '

Altro da Poynter:

Chiarimento: questo articolo è stato aggiornato per includere informazioni sul background politico del proprietario dell'avvocato John Georges e per chiarire il ruolo di The Gambit nel mercato delle notizie di New Orleans.

gli osservatori di notizie della volpe meno informati