Quando dovresti nominare i pazienti COVID-19 e altre decisioni etiche che le redazioni statunitensi dovranno affrontare questa settimana

Etica E Fiducia

I lavoratori dell'ambulanza trasferiscono un uomo in barella dal Life Care Center di Kirkland, Washington, in un'ambulanza, venerdì 6 marzo. La struttura è l'epicentro dello scoppio del coronavirus nello stato di Washington. (AP Photo / Ted S. Warren)

Mentre entriamo nella prima settimana completa di reportistica su una nazione che opera secondo le norme nazionali di emergenza in risposta alla pandemia COVID-19, le sfide etiche stanno aumentando. Ecco le domande che ho sentito tramite Twitter e dai clienti che mantengono il Craig Newmark Center for Ethics and Leadership di Poynter.

Le infezioni confermate saliranno alle stelle man mano che i test saranno più disponibili. In ogni mercato e in ogni momento verranno testate persone interessanti e degne di nota.



in che modo politifact si inclina

Qual è la politica della tua redazione riguardo a chi chiami? Avrai bisogno di fonti originali (registrate, non registrate) o ripeterai la segnalazione di altri giornalisti? Questa è prima di tutto una diagnosi medica. Citerete solo l'individuo o una fonte che rappresenta l'individuo? O citerai persone che sanno di seconda o terza mano?

Raccomandazioni:

  • Segnala le tue storie e affidati ai tuoi servizi di filo. Non ripetere la segnalazione di un'altra redazione quando si tratta di rivelare un individuo infetto. La mia collega Cristina Tardáguila, direttore associato dell'International Fact-Checking Network, ha dimostrato come nuove agenzie rispettabili la storia sbagliata sul presidente brasiliano.
  • Limitare l'approvvigionamento all'individuo, alla sua famiglia e ad altri rappresentanti ufficiali.
  • Se sei tentato di nominare qualcuno senza il suo permesso per motivi di salute pubblica (ad esempio, la persona potrebbe aver esposto centinaia di persone), controlla prima con il funzionario della sanità pubblica responsabile della località in cui ritieni che sia avvenuta l'esposizione.

Sì, è vero che nei negozi di alimentari di tutto il paese c'è stata una corsa a prodotti per la pulizia, disinfettante per le mani, carta igienica e carne. Certamente, le redazioni dovrebbero documentarlo.

Ed è fondamentale aggiungere contesto a tutta quella documentazione. Se gli scaffali sono spogli perché il personale non ha avuto la possibilità di sistemare le scorte di riserva, una foto del rifornimento è più precisa di uno scaffale vuoto. I droghieri stanno lottando per ottenere provviste? Perché e quanto durerà la carenza?

è il presidente della città

Raccomandazioni:

  • Modifica le immagini con attenzione, in modo che i consumatori di notizie vedano il quadro generale. Le immagini dominanti di scaffali spogli alimentano ulteriormente il panico. Ma due o tre immagini insieme forniscono una comprensione più completa della storia.
  • Fornisci ai consumatori di notizie un contesto su quando possono aspettarsi che i negozi locali ricevano più forniture.
  • Evita le distorsioni. Un negozio di alimentari potrebbe avere esaurito la carta igienica. Ma se vengono riforniti altri due negozi nello stesso quartiere, l'immagine di uno scaffale vuoto è l'eccezione, non la regola.

Mentre la maggior parte dei consumatori di notizie è ben consapevole del tasso di mortalità del 2% o inferiore da COVID-19, c'è una quantità significativa di paura. Questo perché nel giornalismo siamo attratti dal drammatico, che in questo caso significa coloro che muoiono o si ammalano gravemente.

Tuttavia, poiché è probabile che molti di noi contraggano il virus, sarebbe utile ascoltare una serie di storie sull'esperienza di essere malati.

Raccomandazioni:

  • Cerca storie di recupero che puoi condividere con il tuo pubblico.
  • Quando parli con gli operatori sanitari, chiedi loro di descrivere l'intera gamma di afflizioni.
  • Tieni traccia di quante storie di morte e quante storie di guarigione racconti. Assicurati che non sia troppo sbilanciato.

Non tutti possono lavorare da un ufficio a casa sigillato. Reporter televisivi, audio reporter, fotografi e operatori video devono tutti scendere in campo. Inoltre, anche se puoi raccontare a distanza, la storia è sempre migliore se ti avvicini. Ma come bilanciare la necessità di riferire dal campo con la necessità di proteggere i giornalisti e prevenire il contagio?

Raccomandazioni:

  • Assicurarsi che i giornalisti sul campo dispongano di attrezzature per la pulizia, sapone e disinfettante per le mani. Lo stesso vale per chi lavora in spazi condivisi come sale di controllo o postazioni di montaggio.
  • Non costringere nessuno ad andare oltre la propria zona di comfort. Discuti dei rischi personali e prendi accordi per i giornalisti che ne hanno bisogno.
  • Piuttosto che abbandonare le interviste sul campo, identifica i modi per farle rispettando gli standard di distanza sociale di sei piedi. Fai le interviste nei cortili anteriori o sui portici anteriori, piuttosto che all'interno delle case. Consentire ai soggetti dell'intervista di stare più lontani dai giornalisti di quanto sia normalmente accettabile. Non stringere la mano.
  • Assicurati di cercare voci diverse per le storie. Ritirarsi alle interviste telefoniche o via e-mail e trovare storie tramite i social media rischia di amplificare la bolla del filtro. Lavora contro quello.

È sempre stata una sfida con un evento di notizie che consuma tutto e in rapida evoluzione per evitare il processo decisionale del gregge. Lo spirito competitivo del giornalismo combinato con la natura snella del personale della redazione ci rende ciechi di fronte alle alternative di reporting e pubblicazione che sono sempre disponibili in qualsiasi scenario.

Fai domande, molte domande, sull'impatto del tuo lavoro, dei tuoi capi, dei tuoi colleghi, del tuo pubblico, dei tuoi amici fuori dalla redazione e del team con cui lavori. Questi sono i tempi in cui ogni individuo in una testata giornalistica deve impegnarsi a partecipare pienamente alle decisioni etiche.

Non lasciare che il ritmo del lavoro sopprima il tuo istinto di dare voce alle preoccupazioni fastidiose che indugiano nella parte posteriore della tua mente. Possiedi ogni azione che intraprendi.

Il Craig Newmark Center for Ethics and Leadership è qui per aiutarti. Tweet le tue domande per me @kellymcb o inviaci un'e-mail a ethics@poynter.org .

moderatori dei dibattiti presidenziali

Kelly McBride è il vicepresidente senior di Poynter e il presidente del Craig Newmark Center for Ethics and Leadership presso Poynter. Può essere raggiunta a kmcbride@poynter.org o su Twitter a @kellymcb.